Verso un accordo globale e vincolante per fermare l’inquinamento da plastica

Il testo si concentra su microplastiche e economia circolare per affrontare l’intero ciclo di vita dei prodotti in plastica. Già 75 i paesi che hanno detto sì (UE inclusa), ma ci vorranno anni prima di avere un’intesa finale

Stop all’inquinamento da plastica: verso un accordo globale
Foto di feiern1 da Pixabay

Vertice Unep a Ginevra, consenso sulla bozza per lo stop all’inquinamento da plastica

(Rinnovabili.it) – Siamo un passo più vicini a un accordo globale sullo stop all’inquinamento da plastica. La buona notizia arriva da Ginevra, dove l’Agenzia dell’Onu per la protezione ambientale (Unep) ha riunito più di 1000 rappresentanti da 140 paesi e decine di organizzazioni non governative.

Sul tavolo il testo di un trattato legalmente vincolante per scrivere la parola fine sull’inquinamento da plastica. Inquinamento che, secondo dati Unep, consiste in più di 300 milioni di tonnellate di rifiuti plastici prodotti ogni anno. E visti i tempi di degrado del materiale, quello che conta è anche l’inquinamento cumulativo. Dagli anni 50, l’agenzia dell’Onu calcola che siano state prodotte più o meno 8,3 miliardi di tonnellate di plastica, di cui almeno il 60% è finito in discarica o direttamente nell’ambiente. Finendo in gran parte negli oceani, causando così la morte di più di 1 milione di uccelli acquatici e di 100mila mammiferi marini ogni anno.

Leggi anche Un mondo senza inquinamento da plastica è possibile

La bozza di accordo è stata presentata dal Perù e dal Ruanda e ha subito ricevuto l’appoggio dell’Unione Europea. Bruxelles chiede che venga creato un comitato intergovernativo per gestire i negoziati futuri. Intanto, la prima stesura ha già raccolto l’adesione di 25 paesi e un impegno informale da altri 50.

Nel testo, tra gli aspetti più rilevanti, va segnalato l’accento nesso sulle microplastiche, minuscoli frammenti che hanno letteralmente colonizzato ogni ecosistema terrestre, dalla fossa delle Marianne ai ghiacciai alpini spinti da venti e correnti. L’obiettivo dell’accordo sull’inquinamento da plastica è “promuovere un’economia circolare e affrontare l’intero ciclo di vita della plastica dalla produzione, consumo e progettazione alla prevenzione, gestione e trattamento dei rifiuti”, si legge nella bozza di testo, riportata dall’agenzia AFP.

Leggi anche Plastica in mare: nel 2040, la quantità di marine litter potrebbe triplicare

Anche se la partenza sembra abbastanza in discesa, prima di arrivare all’entrata in vigore di un accordo ci vorranno anni. La bozza, intanto, sarà discussa il prossimo anno durante l’assemblea delle Nazioni Unite sull’ambiente che si terrà a Nairobi in Kenya.

1 commento

  1. Togliere dalla produzione e dal commercio tutti i materiali di plastica Usa e getta, tutti gli oggetti piccoli e medi che possono essere buttati, e sostituirli con materiali biodegradabili. Se aspettiamo di educare gli sconsiderati stiamo freschi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui