Le microplastiche non risparmiano le zone più remote del Polo Sud

Uno studio dell’università di Canterbury ha rinvenuto schegge di polimeri, soprattutto PET, in tutti e 19 i campioni di neve fresca raccolti sulla barriera di Ross, la piattaforma glaciale più grande dell’Antartide

Microplastiche: trovati per la 1° volta frammenti nelle nevi dell’Antartide
crediti: Alex Alves

L’inquinamento da microplastiche è ubiquo

(Rinnovabili.it) – Depositate sui fondali marini, infiltrate nel sangue umano o portate dai venti fino in cima alle vette più alte, compreso l’Everest, le microplastiche riescono a viaggiare anche per centinaia o migliaia di chilometri e sono praticamente ubique. Anche l’Antartide non ne è immune: frammenti di polimeri più piccoli di un granello di riso sono stati appena trovati nelle nevi fresche sulla Barriera di Ross, la più grande piattaforma glaciale del continente.

Lo ha scoperto una ricercatrice dell’università di Canterbury, Alex Alves, analizzando 19 campioni di manto nevoso prelevati durante una spedizione di fine 2019 al Polo Sud. In media, erano presenti 29 particelle di microplastiche per ogni litro di neve sciolta. Una quantità che è più alta rispetto a quella rinvenuta nel mare di Ross che bagna la piattaforma. È la prima volta che schegge microscopiche di questi polimeri vengono trovate in zone remote dell’Antartide.

Leggi anche La carta d’identità della microplastica dispersa nell’oceano

L’analisi di queste microplastiche ha rivelato che sono state molto probabilmente portate dai venti fino al continente ghiacciato. Come altri studi, anche questo ha identificato il PET come il polimero rinvenuto con maggiore frequenza. In tutto, i tipi di microplastiche trovati da Alves sono 13. La loro concentrazione tende ad aumentare quanto più ci si avvicina alle basi in Antartide: i campioni presi nei pressi della base Scott e della stazione McMurdo mostrano densità di polimeri 3 volte superiori. A riprova che anche una presenza antropica minima ha un impatto sensibile sull’ambiente, quando si parla di microplastiche.

“È incredibilmente triste, ma il ritrovamento di microplastiche nella neve fresca dell’Antartide evidenzia la portata dell’inquinamento da plastica anche nelle regioni più remote del mondo”, spiega Alves. “Abbiamo raccolto campioni di neve da 19 siti nella regione dell’Isola di Ross in Antartide e abbiamo trovato microplastiche in tutti quanti”.

Leggi anche Uno “scotch” di batteri per catturare le plastiche microscopiche: soluzioni bio

Articolo precedenteAmsterdam: il nuovo HQ di IBM è un laboratorio vivente di innovazione e sostenibilità
Articolo successivoNasce il Centro di Sostenibilità e Transizione Ecologica dell’Università di Palermo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui