Morti da inquinamento, allarme di The Lancet: “Stiamo tornando indietro”

L’aggiornamento della review globale fotografa una situazione che tende a peggiorare, anche se i numero totali dei decessi sono stabili.

inquinamento da traffico
Foto di Pat McKane da Pixabay

Il 90% delle morti da inquinamento è concentrato nei paesi a basso e medio reddito

(Rinnovabili.it) – Un decesso su sei in tutto il pianeta è causato dall’inquinamento. I morti da inquinamento sono almeno 9 milioni ogni anno. Più dei decessi dovuti a incidenti stradali, AIDS, malaria e tubercolosi messi insieme. E l’impatto economico, al di là di quello in vite umane, è altissimo: qualcosa come 4.600 miliardi di dollari, vale a dire 9 milioni ogni minuto.

Lo afferma l’ultimo aggiornamento della review globale sulle morti dell’inquinamento preparata dalla Lancet commission. La versione precedente risale al 2017 e fissava anche in quel caso il numero di decessi prematuri a 9 milioni l’anno. Non c’è stato alcun miglioramento, dunque? In alcuni ambiti sì, ma sono subito compensati da peggioramenti di altre voci.

Leggi anche Qualità dell’aria, nessuna città italiana supera l’esame

La review globale rileva che sono in calo le morti da inquinamento associate tipicamente alla povertà estrema (ma i paesi a basso e medio reddito totalizzano ancora il 90% dei decessi totali). Parliamo le tipologie come l’inquinamento dell’aria all’interno delle abitazioni e della contaminazione delle acque. Tuttavia, sono aumentati i decessi prematuri legati all’inquinamento atmosferico in generale e all’impatto delle sostanze chimiche tossiche (come il piombo). solo dal 2015, infatti, queste tipologie sono cresciute del 7%, mentre l’incremento dal 2000 è addirittura del 66%.

“Le aree chiave su cui è necessario concentrarsi sono l’inquinamento atmosferico, l’avvelenamento da piombo e l’inquinamento chimico”, avvertono gli autori. “L’inquinamento atmosferico causa oltre 6,5 milioni di morti all’anno a livello globale, e questo numero è in aumento. Il piombo e altre sostanze chimiche sono responsabili di 1,8 milioni di morti all’anno a livello globale, una cifra probabilmente sottovalutata”. Di questi ultimi, i decessi dovuti solo al piombo sono 900mila.

Leggi anche In Europa gli inquinanti atmosferici causano 300mila morti premature l’anno

Anche se alcuni passi avanti ci sono stati, per gli autori della review “stiamo tornando indietro”. Il problema principale, affermano, è che la maggior parte dei paesi negli ultimi anni non ha fatto nulla per combattere l’inquinamento. “La triade inquinamento, cambiamento climatico e perdita di biodiversità sono i principali problemi ambientali globali del nostro tempo”, scrivono gli autori. “Questi problemi sono strettamente collegati e la soluzione di ciascuno di essi andrà a beneficio degli altri”.

Articolo precedenteAir Liquide e Shell: accordo decennale per l’acquisto di energia rinnovabile
Articolo successivoRifiuti romani: la grande opportunità dell’economia circolare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui