L’Italia del Riciclo cresce in barba alla crisi

Oltre il 65% degli imballaggi viene avviato al riciclo a livello nazionale, con punte di eccellenza per carta (84%), vetro (71%) e acciaio (75%)

L'Italia del Riciclo cresce in barba alla crisi(Rinnovabili.it) – Il riciclo non teme la recessione economica. Lo dimostrano i dati della nuova edizione dell’Italia del Riciclo 2013, il rapporto che annualmente dà conto dei trend e delle best practies di 15 filiere italiane del recupero. Realizzato da Fise-Unire e dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, il documento fotografa il fine vita, o meglio la seconda vita degli imballaggi nostrani, attraverso l’analisi dettagliata del contesto economico nazionale e rivela che nel 2012 il settore è cresciuto ulteriormente: nonostante la drastica riduzione dei consumi delle famiglie e della produzione industriale (- 6,3%), il riciclo di imballi e packaging ha registrato una un aumento dello 0,5% in termini assoluti e del più 2% nel rapporto riciclo/immesso a consumo.

 

Un risultato, si legge nel rapporto,  a cui va il  merito di  aver tenuto in piedi “settori industriali (siderurgia, tessile, mobili, carta, vetro) strategici per il nostro Paese”. I trend migliori si sono registrati per la filiera della carta (riciclata all’84%), dell’acciaio (75%) e del vetro (71%); e tra i buoni risultati spicca “il primato europeo del nostro Paese per il reimpiego dei materiali ottenuti dalla demolizione dei veicoli a fine vita. Meno positivi i dati sulla raccolta differenziata dei RAEE domestici calata del 9% e la quantità di oli minerali esausti raccolta nel 2012, anche se è cresciuto di due punti percentuali il rapporto rispetto all’immesso al consumo.

 

”Nonostante i difficili anni di crisi – dichiara Corrado Scapino, presidente di Unire – il settore del recupero rifiuti si conferma un sistema dinamico, almeno per quanto riguarda le imprese e gli organismi di gestione che lo coordinano, che ha mostrato nel tempo una buona capacità di adattamento e riorganizzazione in vista del raggiungimento di nuovi obiettivi”.

Articolo precedenteL’energia solare potrà competere con il gas naturale nel 2030
Articolo successivoLa sala da concerti che si trasforma in strumento musicale urbano