Papa Francesco: la questione del clima è una questione di giustizia

Il Pontefice chiede un dialogo aperto e costruttivo per fermare “il riscaldamento globale e l’aumento degli eventi meteorologici estremi”

Papa Francesco: la questione del clima è una questione di giustizia

 

(Rinnovabili.it) – Non separare la questione climatica da quella della giustizia e della solidarietà, ma al contrario procedere con un approccio integrale e partecipativo che includa tutti, soprattutto i più deboli. Questo in sintesi il messaggio che oggi Papa Francesco ha portato al Meeting internazionale su “Giustizia ambientale e cambiamenti climatici”, la due giorni di approfondimento sulle strategie per realizzare un nuovo sviluppo rispettoso dell’ambiente, più equo e inclusivo. Perché è fondamentale ora più che mai procedere con un simile approccio? Perché, risponde in maniera chiara il Santo Padre, “non possiamo dimenticare le gravi implicazioni sociali dei cambiamenti climatici: sono i più poveri a patirne con maggiore durezza le conseguenze! Per questo – come giustamente evidenzia il titolo di questo Meeting – la questione del clima è una questione di giustizia; e anche di solidarietà, che dalla giustizia non va mai separata”.

 

L’attenzione, ricorda il Pontefice, va focalizzata sulle inevitabili implicazioni sociali legate alla crisi climatica in atto. Oggi infatti, sono i più deboli e inermi a soffrire maggiormente gli effetti negativi del climate change. Gli eventi climatici estremi e il riscaldamento globale stanno mettendo a dura prova la sopravvivenza di molte popolazioni, rendendo alcune zone della Terra sempre più povere e meno vivibili. Secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) si dovrà attendere per il 2050 di un numero di “migranti climatici” che vada da un minimo di 25 milioni a un massimo di un miliardo, con 200 milioni citata come cifra più probabile.

 

Ma la partita non si gioca solo fra i grandi della Terra, che il prossimo dicembre sono chiamati a Parigi per mettere nero su bianco un ambizioso accordo climatico; ognuno deve fare la sua ed esercitare la propria responsabilità e solidarietà, “ognuno – ha affermato Papa Francesco – è chiamato a rispondere personalmente, nella misura che gli compete in base al ruolo che occupa nella famiglia, nel mondo del lavoro, dell’economia e della ricerca, nella società civile e nelle istituzioni. Non sfoderando improbabili ricette: nessuno le ha!”

L’invito rivolto a tutti dal capo delle Chiesa cattolica è quello di “compiere ogni sforzo perché ai tavoli in cui si cerca il modo per risolvere l’unica e complessa crisi socio-ambientale possano far udire la propria voce i più poveri, tra i Paesi e tra gli esseri umani: è anche questo un dovere di giustizia ambientale”.

 

LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE DEL DISCORSO DI PAPA FRANCESCO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui