Approvata la Strategia Forestale Nazionale

È stata approvata la Strategia Forestale Nazionale, uno strumento essenziale per definire le politiche forestali nazionali e per guidare la pianificazione forestale del Paese. Ora sarà possibile operare con uno sguardo almeno ventennale, che è l’arco temporale minimo per pianificare le politiche di sostenibilità e di tutela della biodiversità

Strategia Forestale Nazionale (

(Rinnovabili.i) – La Strategia Forestale Nazionale (SFN) è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale (GU serie generale n. 33 del 9 febbraio 2022). Il documento è previsto nel Testo Unico in Materia di Foreste e Filiere Forestali (TUFF).

La validità della SFN sarà ventennale e dovrà essere aggiornata a seguito di verifiche quinquennali o su richieste istituzionali specifiche e in applicazione di nuovi impegni internazionali.

Uno strumento per definire le politiche forestali

La Strategia Forestale Nazionale per il settore forestale e le sue filiere è uno strumento che ha l’obiettivo di portare le foreste nazionali ad essere «estese e resilienti, ricche di biodiversità, capaci di contribuire alle azioni di mitigazione e adattamento alla crisi climatica, offrendo benefici ecologici, sociali ed economici per le comunità rurali e montane».

Condizioni di cui si giovano i cittadini di oggi ma che avranno il medesimo valore anche per le prossime generazioni.

Un’altra finalità della Strategia Forestale Nazionale è incentivare la tutela e l’uso consapevole e responsabile delle risorse naturali coinvolgendo tutti i cittadini a collaborare in azioni orientate a seguire criteri di sostenibilità.

È quindi evidente l’importanza dell’approvazione della SFN, perché è uno strumento essenziale per definire le politiche forestali nazionali e per guidare la pianificazione forestale del Paese. Inoltre, le comunità rurali e montane godranno dei benefici ecologici, sociali ed economici.

Sguardo ventennale

«Finalmente abbiamo la corretta impostazione per poter operare con uno sguardo almeno ventennale, che è l’arco temporale minimo per chi è impegnato nel settore forestale e per pianificare le politiche di sostenibilità e di tutela della biodiversità.

L’introduzione della Strategia Forestale Nazionale consentirà di armonizzare gli obiettivi e le azioni per la sostenibilità in una cornice uniforme e di medio periodo con i documenti internazionali, dall’Agenda 2030 a Farm to Fork, dalla Strategia per la Biodiversità 2030 all’Accordo di Parigi, fino al Green Deal.

Questo è il risultato di un ottimo lavoro di concertazione guidato dalla Direzione Foreste del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che ha raccolto il contributo di tutti gli stakeholder del mondo forestale», ha commentato con giusta soddisfazione Sabrina Diamanti, presidente del CONAF (Consiglio Ordine Nazionale dottori Agronomi e dottori Forestali).

Obiettivi, condizioni e risorse

Spiega Marco Bonavia, consigliere del CONAF: «Sappiamo che la pianificazione forestale può essere locale, di area vasta o regionale. Il livello nazionale è proprio questo, quello che indirizza le scelte di tutti i livelli sottostanti definendo obiettivi, chiarendo le condizioni e mettendo una parte di risorse.

I dottori forestali per impostazione gestiscono e ragionano sul futuro di superfici forestali, con tempi e considerazioni che talvolta sfuggono a chi non è del mestiere.

Anche grazie a un documento come la Strategia Forestale Nazionale ora abbiamo la certezza che la pianificazione forestale avrà le risorse finanziarie necessarie per i prossimi vent’anni».

Articolo precedenteBiden mette 7,5 mld per una rete nazionale di colonnine di ricarica
Articolo successivoBlocco cessione credito, piovono interrogazioni in Commissione Finanze

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui