Impegni climatici, l’incontro più delicato dell’anno tra Cina e Stati Uniti

La visita dell’inviato speciale sul clima di Biden sta per entrare nel vivo. Pechino: non possiamo cooperare sul clima e prenderci a cazzotti su tutto il resto. Attesa per l’incontro tra Kerry e l’omologo Xie Zhenhua

Impegni climatici: l’agenda della visita di John Kerry in Cina
Credit: Global Climate Action Summit, Nikki Ritcher Photography | CC BY 2.0 via Flickr

John Kerry a Tianjin cerca nuovi impegni climatici dalla Cina per rafforzare la COP26

(Rinnovabili.it) – In queste ore l’inviato speciale per il clima degli USA, John Kerry, è impegnato nell’incontro più delicato dell’anno per la lotta al cambiamento climatico. A Tianjin, 60 km a est di Pechino, il primo e il secondo inquinatore mondiale provano a dare una chance alla COP26. Come? Trovando un accordo su nuovi impegni climatici. Con la speranza che la sintonia tra i due paesi renda l’appuntamento di novembre a Glasgow un successo almeno su alcuni punti critici. Proprio come un’intesa tra Washington e Pechino aveva spianato la strada alla firma dell’accordo di Parigi nel 2015.

Kerry è atterrato in Cina martedì scorso e i primi incontri non hanno avuto un tono molto incoraggiante. Il ministro degli Esteri Wang Yi ha mandato un messaggio chiaro: non pensate di cooperare sul clima e di farci la guerra (commerciale) allo stesso tempo. Il dossier della crisi climatica è l’unico dove i due paesi hanno interessi in comune, e su cui l’intesa finora ha retto agli scossoni geopolitici. Ma su tutto il resto USA e Cina si prendono a cazzotti, dai dazi ai diritti umani.

Leggi anche Adesso Cina e Stati Uniti vanno a braccetto sulla diplomazia climatica

Con un linguaggio colorito, Wang ha messo sul chi vive Kerry. La cooperazione con noi sul clima, vista dagli USA, è come un’oasi, ha spiegato il ministro. Ma tutto intorno all’oasi c’è il deserto. E anche l’oasi – ha sottolineato – è a forte rischio desertificazione. Quanto peso dare a queste affermazioni?

Per stabilirlo bisognerà aspettare l’esito dell’incontro più importante: quello tra Kerry e il suo omologo cinese, lo zar del clima Xie Zhenhua. I due stanno cercando il modo per annunciare nuovi impegni climatici che siano sostanziali, rafforzino l’ambizione in vista della COP26, ma non li mettano in difficoltà. Un impegno a bloccare ogni investimento nel carbone all’estero per esempio, suggeriscono alcuni osservatori. Resta tutto da vedere cosa potrà promettere in cambio Washington.

Leggi anche Sul clima la Cina si affida di nuovo a Xie Zhenhua, architetto di Parigi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui