Il Recovery sale a 222 mld, sfiorano i 69 mld le risorse alla transizione verde

La bozza del Recovery prevede che quasi 45,86 miliardi andranno alla digitalizzazione e circa 31,98, all’istruzione e alla ricerca. La fetta più consistente? Quella per il green deal

recovery plan
By jimmyweee – Roma, CC BY 2.0

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Il Recovery plan nostrano aumenta, e arriva a 222 miliardi. Dentro alcune modifiche: in particolare un taglio di risorse per la transizione verde, e un aumento consistente per la sanità, oltre a una crescita per le infrastrutture. E’ questo il quadro dipinto dal governo nella nuova bozza del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).

Rimane sulla stessa scia della versione precedente nelle 6 missioni, nelle loro 16 componenti e nelle 47 linee di intervento. Cambia la destinazione dei soldini del Next Generation Eu. Si sale a 222 miliardi grazie all’utilizzo dei Fondi europei di coesione e del quadro finanziario pluriennale 2021-2027, ridistribuendo miliardi alla salute innanzitutto con uno stanziamento che passa da 9 a quasi 20 miliardi (pari al 9% del totale) ma anche alla cultura e al turismo, a cui saranno destinati non più 3 ma 8 miliardi di euro, in parte a discapito di Transizione 4.0.

Nella mappa del salvadanaio che l’Europa ci manderà, pari a 222,3 miliardi, la bozza del Recovery plan prevede che alla digitalizzazione andranno quasi 45,86 miliardi, alla transizione ecologica quasi 68,94, alle infrastrutture e mobilità quasi 31,98, all’istruzione e alla ricerca quasi 27,91, all’inclusione e coesione 27,62, alla salute 19,72. All’interno del capitolo ‘digitalizzazione’, 11,31 miliardi sono per innovazione e sicurezza nella Pubblica amministrazione, 26,55 per il sistema produttivo, e 8 per il turismo e la cultura.

Per quello che dovrebbe essere la spinta al Green deal vanno 5,50 miliardi all’economia circolare, 18,21 alla transizione energetica e alla mobilità locale sostenibile, 30,72 all’efficienza energetica e alla riqualificazione degli edifici, 14,51 alla tutela e valorizzazione del territorio e della risorsa idrica. Alle infrastrutture e trasporti, 28,30 miliardi per l’alta velocità di rete e la manutenzione stradale, 3,68 per l’intermodalità e la logistica integrata. All’istruzione, 16,72 miliardi sono per il potenziamento della didattica e del diritto allo studio, e 11,19 per favorire il passaggio dalla ricerca all’impresa. Sotto il capitolo ‘inclusione’, 12,62 miliardi sono per le politiche per il lavoro, 10,83 per le infrastrutture sociali, famiglie, terzo settore, e 4,18 per interventi speciali di coesione territoriale. Alla salute, ci saranno 7,90 miliardi per l’assistenza di prossimità e la telemedicina, e 11,82 per l’innovazione, la ricerca e la digitalizzazione dell’assistenza.

Articolo precedenteL’andamento dei prezzi dei prodotti alimentari secondo la Fao
Articolo successivoFotovoltaico per aziende, quali soluzioni per l’impresa?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui