Prima vittoria per i nativi in Brasile: salva (per ora) la tutela ambientale

Il parere del tribunale poteva cacciare le comunità indigene dalle loro terre ancestrali. Per la gioia di imprese minerarie, taglialegna e grandi allevatori (e di Bolsonaro). La palla torna al parlamento che deve votare il ‘marco temporal’

Tutela ambientale: le comunità indigene del Brasile spaventano la Corte suprema
via depositphotos.com

La Corte suprema ha congelato la controversa decisione sulla tutela ambientale

(Rinnovabili.it) – A Brasilia, la Corte suprema è rimasta assediata per settimane da rappresentanti delle comunità indigene arrivati da tutto il paese. Adesso la mobilitazione iniziata il 24 agosto strappa la prima vittoria. Il tribunale prende tempo e rinvia tutto a una data ancora da stabilire. In ballo c’è una legge che potrebbe stravolgere la storia della tutela ambientale in Brasile, cacciare i nativi dalle loro terre e stendere il tappeto rosso allo sfruttamento incontrollato delle risorse naturali in ecosistemi preziosi o fragili.

La Corte non si è pronunciata ma potrebbe giocare allo scaricabarile. Quello che gli attivisti temono è che il giudice, Alexandre de Moraes, lasci andare in scadenza la questione per aspettare un voto del parlamento. La camera bassa del Brasile, infatti, dovrà pronunciarsi a breve (ma la seduta non è ancora calendarizzata) su una legge molto controversa sullo stesso tema.

Leggi anche La foresta amazzonica è vicina al collasso, Bolsonaro prepara l’ultimo assalto

Il provvedimento richiede che le comunità indigene che vogliono la tutela ambientale sui loro territori dimostrino che li occupavano stabilmente nel 1988. È l’anno in cui il Brasile ha voltato pagina dopo la dittatura militare ed è entrata in vigore la nuova costituzione, quella attuale. Il problema è che molti nativi erano stati cacciati dalle loro terre dai militari. In molti altri casi, le comunità non hanno nessun documento formale che attesti la loro presenza nell’area.

È uno smantellamento mascherato delle forme di protezione per ecosistemi a rischio come l’Amazzonia e il Pantanal, sostengono gli attivisti. Una direzione verso cui spinge da tempo il presidente Bolsonaro (e gli interessi economici che lo appoggiano, a partire dai grandi allevatori e coltivatori).

Leggi anche I popoli indigeni sono la miglior tutela contro la deforestazione

In Brasile le comunità indigene contano circa 900mila appartenenti. Sono lo 0,5% dei 212 milioni di abitanti del paese e le loro terre ancestrali occupano il 13% del territorio nazionale. “Troppa poca gente abita spazi troppo grandi”, sintetizzava Bolsonaro poche settimane fa. Ma la loro causa trova l’appoggio di altre realtà del paese: nei giorni scorsi hanno presentato al tribunale un manifesto firmato da 100mila persone dove chiedono di dichiarare incostituzionale la legge all’esame del parlamento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui