Raccolta oli lubrificanti usati, Italia a un passo dal 100%

Il CONOU presenta i dati 2017: in un anno recuperate 182.252 tonnellate di olio lubrificante usato. Il 98% viene riciclato

Raccolta oli lubrificanti usati
Cambio dell’Olio lubrificante (Foto di CONOU)

 

Un nuovo anno d’oro per la raccolta oli lubrificanti usati in Italia

(Rinnovabili.it) – C’è un settore dell’economia circolare in cui l’Italia non è seconda a nessuno: è la raccolta e riciclo degli oli lubrificanti usati. La filiera ha già da tempo superato qualsiasi media nazionale, ora è ad un passo dall’obiettivo del 100%. Lo confermano i dati 2017 del CONOU, il Consorzio Nazionale per la Gestione, Raccolta e Trattamento degli Oli Minerali Usati (http://www.conou.it/it/). Lo scorso anno sono state raccolte 182.252 tonnellate di oli lubrificanti usati, ossia il 99% della quantità recuperabile e il 45,2% del totale immesso al consumo in Italia. Questa differenza di percentuali fra “quantità recuperabile” e “quantità immessa sul mercato” è legata semplicemente al fatto che l’olio, durante il suo utilizzo nei motori e nei macchinari industriali, si consuma. Per la precisione, i rifiuti di cui si occupa la filiera sono la metà rispetto al dato prodotto.

 

>>Leggi anche Il COOU diventa CONOU e rafforza la filiera<<

 

Le performance 2017 mettono in evidenza soprattutto un elemento: la raccolta oli lubrificanti usati, benché già ottima, è migliorata ancora. Per la precisione, ci dice il CONOU, si è registrato un aumento di 5.000 tonnellate, una quantità dall’alto potere contaminante: se fosse stata sversata illegalmente in acqua avrebbe potuto inquinare una superficie pari a 25 volte il Lago di Garda. “Il deciso aumento dei quantitativi di raccolta, unito a una qualità che si mantiene alta consentendo una percentuale di rigenerazione vicina al 100% – testimoniano i vantaggi della circular economy degli oli minerali usati gestiti dal Consorzio”, commenta Paolo Tomasi, Presidente del CONOU. Delle 182.252 tonnellate di oli usati gestite, infatti, il 98% è stato destinato al riciclo, con il conferimento alle imprese di rigenerazione operanti nel sistema consortile, per la produzione di nuove basi lubrificanti.Il 2017 è stato un anno fondamentale nel quale abbiamo cambiato il nome e l’organizzazione interna, con l’obiettivo di rendere ancora più forti il progetto, l’innovazione e il gioco di squadra”, continua Tomasi. “Siamo convinti di aver creato le premesse utili per continuare a far crescere la nostra filiera e per incrementare ulteriormente le performance: i primi risultati ci danno ragione ed evidenziano che siamo sulla buona strada”.  

 

Articolo precedenteAprile 2018: in Italia è caldo record con picchi di temperature
Articolo successivoOltre 1000 chilometri in bici contro il “littering”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui