Dalla tassa sui rifiuti alla tariffa, l’orientamento dell’Authority

Bortoni: “La regolazione tariffaria, sostitutiva della tassa, potrebbe mettere, anche nel settore dei rifiuti, l’Italia alla stregua dei Paesi europei”

Dalla tassa sui rifiuti alla tariffa, l’orientamento dell’Authority

 

(Rinnovabili.it) – Sostituire la tradizionale tassa sui rifiuti con una tariffa realmente impostata sul celebre principio “chi inquina paga”. Questa la richiesta presentata da Guido Bortoni, presidente dell’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Servizio Idrico (AEEGSI) nella sua relazione al Parlamento.

L’Authority, a cui andranno a breve anche le competenza su ambiente e rifiuti e il nuovo nome ARERA, sostiene con convinzione uno dei passaggi fondamentali nella disciplina della tariffa integrata ambientale (oggi TARI). Tale intervento – ispirato ad una reale disincentivazione della produzione dei rifiuti e al contemporaneo incremento della correlazione tra misura del prelievo ed effettiva fruizione del servizio – è stato accolto da tempo dall’Unione Europea con le Direttive comunitarie 2006/12/CE e 2008/98/CE, spingendo diversi Stati membri a aggiornare la propria regolamentazione in materia.

 

Per Bortoni: “la regolazione tariffaria, sostitutiva della tassa, potrebbe mettere, anche nel settore dei rifiuti, l’Italia alla stregua dei Paesi europei in un congruo lasso di tempo, nel rispetto del principio ambientale del ‘chi inquina paga’, oggi non del tutto implementato nel nostro paese. Per la regolazione dei rifiuti, accrescere le risorse in modo adeguato è essenziale. Esiziale sarebbe il non farlo”.

 

Un elemento su cui è d’accordo anche il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti che considera il passaggio da tassa a tariffa nel settore dei rifiuti come “uno dei grandi traguardi ambientali e di sviluppo sociale cui l’Italia deve guardare”. “Il percorso è lungo  – afferma Galletti – e conosciamo bene le criticità del nostro Paese, in cui convivono comuni che stanno ben oltre la media europea di differenziata e altri con percentuali intollerabili che conferiscono tutti o quasi i loro rifiuti in discarica: per questo è stato tanto importante aver affidato a un soggetto indipendente, quale sarà la futura Arèra, anche la regolazione in tema di rifiuti, per stimolare la responsabilizzazione degli enti locali verso meccanismi virtuosi e trasparenza”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui