E’ arrivata la cicogna in casa Assoutenti: oggi è nata Vitaverde

“Per festeggiare i 40 anni della nostra Associazione, abbiamo attivato una collaborazione con il quotidiano Rinnovabili.it, uno dei più autorevoli media sulla sostenibilità ambientale, per realizzare un periodico digitale specificatamente dedicato ad Assoutenti. Uno strumento utilissimo per contribuire alla consapevolezza dei cittadini nel complesso percorso della transizione ecologica”, scrive Furio Truzzi, presidente Assoutenti

Tassonomia verde: la Corte di giustizia UE deciderà sull’inclusione del gas
Photo by Lucas George Wendt on Unsplash

di Furio Truzzi

Care e cari associati, amici, lettori

sono molto contento di annunciarvi la nascita di questo nuovo magazine “VITAVERDE” che ogni mese riceverete nella vostra casella di posta elettronica, frutto di una collaborazione editoriale con il quotidiano “Rinnovabili.it” diretto dall’amico Mauro Spagnolo e che da oltre 16 anni è tra le voci più prestigiose e complete su una serie di contenuti accuratamente scelti nell’interesse dei cittadini/consumatori e relativi ai grandi temi della tutela ambientale: Energia, Ambiente, Mobilità, Economia Circolare, Greenbuilding, Agrifood, Formazione, Eventi, ma anche tante curiosità legate all’innovazione tecnologica.

Questa collaborazione prende avvio in un momento particolarmente significativo della nostra esistenza proiettata in una fase di grandi cambiamenti per la vita quotidiana e per quella futura, nostra e delle nuove generazioni, perlomeno per i prossimi 30 anni. Viviamo il tempo della più grande rivoluzione tecnologica della storia che apre frontiere inedite nel mondo digitale, dell’intelligenza artificiale e dei big data e tuttavia percorriamo questo cammino con il fardello di una pandemia non ancora conclusa tra le più gravi della storia, con nuove violente guerre nel cuore stesso dell’Europa e con la grande questione irrisolta di un cambiamento climatico che sta devastando il pianeta e mette a rischio le condizioni di sopravvivenza di miliardi di persone.

Furio Truzzi, Presidente di Assoutenti

Insomma, abbiamo di fronte sfide epocali che ci chiedono uno sforzo immane per poterle affrontare soprattutto cambiando il nostro modello di vita che non potrà essere più come quello attuale sia nei consumi energetici, che nei consumi del suolo, dell’acqua e dell’aria dove i valori di CO2 saranno gli indicatori del benessere più di quelli del PIL.

Una transizione che non sarà indolore ma che sarà tanto meno “dolorosa” e difficile quanto più sarà graduale e condivisa e questo può solo dipendere da tutti noi nella nostra dimensione economica-sociale-culturale di consumatori e utenti. Sta a noi saperci autolimitare e auto-orientare verso nuovi consumi e orientare le imprese e le istituzioni. Sia chiaro che noi di Assoutenti siamo quelli che più di ogni altra associazione di consumatori ha fatto propria la cultura della Crescita Felice l’idea che la transizione non si affronta solo con la riduzione dei consumi totalmente intesi ma con la riduzione di taluni e la crescita di altri.

Meno carne più verdura, più energia rinnovabile meno energia fossile, più cultura meno tv spazzatura e cosi via in una serie di opposti che invitiamo tutti a identificare e a creare per segnare la voglia, la consapevolezza, la gioia di muoverci verso un mondo nuovo non geografico come fu quello che scoprì Cristoforo Colombo o spaziale come quello che colonizzeranno entro i già citati 30 anni i primi coloni di Marte.

Il nostro mondo di tutti i giorni che diventa nuovo sia nell’esteriorità della nostra vita fatta di agricoltura e mobilità sostenibile, senza combustibile fossile e chimica della plastica, di tecnologie amiche nello studio e nel lavoro; tecnologie che nella interiorità della nostra vita non deturpino le nostre identità e non violino la nostra privacy, ma esaltino i nostri sentimenti e le nostre emozioni positive.

Sentimenti e Emozioni buone da contrapporre a quelle negative, che ci dicano “come vivere” la transizione nella nostra individualità e nei nuovi collettivi sociali a cui apparterremo, siano quelli delle comunità energetiche che dei gruppi di acquisto “equo e solidale” guardando alla globalizzazione come una opportunità per ridurre il divario ancora troppo accentuato tra nord e sud del mondo.

Almeno questa è la progettualità, la speranza a cui ci aggrappiamo, la forza di voler uscire dal pantano e dalle pochezze delle miserie umane fatte di bullismo, di merendine idrogenate, di un consumismo che ha consumato prima di tutto i valori rendendoci indifferenti l’un con l’altro dissimulando la nostra stessa umanità.

Cosa c’entrano questi argomenti con noi consumatori e utenti? C’entrano molto crediamo, anzi moltissimo. Quando fondammo l’Assoutenti 40 anni fa anteponemmo il rispetto della persona, i valori dell’amicizia, della solidarietà della libertà e della giustizia sociale davanti a qualsiasi strategia politica di difesa e tutela dei consumatori.

Valori che pratichiamo ancora oggi, che facciamo vivere nel nostro appuntamento annuale “Expo Consumatori” e che trasmettiamo ogni giorno sui nostri siti, sui nostri social, nelle sedi e negli sportelli territoriali dove i nostri volontari e esperti si immedesimano nei problemi che vengono loro raccontati da decine di migliaia di consumatori e consumatrici in tutta Italia.

Poter farli vivere qui è per noi motivo di grande entusiasmo e gioia dove non ci sfuggono le potenzialità e le implicazioni di questo bel rapporto tra Associazione e Rinnovabili.it che con il magazine “VITAVERDE” ci ha fatto uno dei più bei regali per il nostro quarantesimo compleanno, regalo che vogliamo condividere con voi care associate e cari associati. Nella speranza di aver suscitato la vostra attenzione vi invitiamo alla lettura e a un vostro graditissimo commento di quanto leggerete e di questa nuova avventura verso la crescita felice che tutti vogliamo per noi e per gli altri chiunque siano ovunque si trovino.

Furio Truzzi

Presidente APS Assoutenti

Articolo precedenteAcquaroli chiede lo stato di emergenza per le Marche
Articolo successivoA luglio, boom di decessi da caldo estremo in Europa (in Italia +29%)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui