La lotta ai cambiamenti climatici passa dalla musica

La no-profit Opera for Peace e l’Organizzazione per il clima e l’economia circolare per la prima volta insieme per combattere riscaldamento globale e cambiamenti climatici attraverso il potere evocativo della musica e dello story-telling

musica
Foto di Steve Buissinne da Pixabay

Mondo dello spettacolo green economy per la prima volta insieme nella lotta al cambiamento climatico e al riscaldamento globale. Grazie a un importante accordo siglato fra Opera for Peace, la più grande rete mondiale per i giovani professionisti dell’opera, e l’OCCE, l’organizzazione europea per il clima e l’economia circolare, la lotta per la salvaguardia del nostro pianeta diventa ancora più incisiva. Contando sul potere evocativo della musica e dell’opera, senza dubbio l’espressione più potente della vita e della condizione umana.

I 5 punti del programma

Cinque i punti cardine su cui verterà la collaborazione, a cominciare da un ricco calendario di eventi fatto di concerti e recital il cui denominatore comune sarà l’economia circolare, il rispetto per l’ambiente e la green economy.

In secondo luogo sarà sviluppato il programma “Global Connections” per attivare collaborazioni creative che stimolino i giovani di tutto il mondo a diventare partecipi e promotori di iniziative ambientaliste. Secondo il principio che una società giusta può essere solo una società equilibrata economicamente, socialmente e ambientalmente.

Sull’onda dell’innovazione creativa, Opera for Peace e l’OCCE daranno vita a un “think tank” per la redazione di una “Carta ambientale“: saranno delineate nuove misure concrete per il settore delle arti dello spettacolo per contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico.

Nella sua vocazione naturale, è un’organizzazione che pone al centro i giovani e la loro istruzione. L’insegnamento e la divulgazione sono un valore importante sia per la cultura che per l’economia circolare. Saranno quindi promosse iniziative volte a spiegare l’importanza di ridurre le emissioni di gas serra e la “carbon footprint”.

Infine Opera for Peace e l’OCCE organizzeranno una serie di conferenze per i giovani industriali e i talenti emergenti ponendo al centro delle tavole rotonde le questioni sociali che il nostro mondo deve affrontare oggi in una nuova prospettiva.

Gli appuntamenti in Italia e Libano

Il primo appuntamento sarà il 19 marzo a Beirut, Libano, per l’Al-Bustan Festival. Al centro il tema della “Riconnessione” attorno ai valori dell’economia circolare, della solidarietà e dell’innovazione. Il concerto sarà diretto dal maestro Gianluca Marcianò e si esibiranno artisti di fama mondiale, ambassadors di Opera for Peace, insieme a giovani artisti libanesi.

Due mesi più tardi si accenderanno i riflettori sul palco italiano di Lerici che, tra maggio e giugno, celebra il tradizionale appuntamento di musica lirica: in Liguria sarà la volta di “Opera for Peace Emerging Artists Recital Series“: le esibizioni ruoteranno intorno all’economia circolare.

“Il nostro obiettivo – spiega Julia Lagahuzère, cofondatrice e direttrice generale di Opera for Peace – è di collaborare insieme all’OCCE per sensibilizzare le persone sui temi dell’economia circolare e della sua importanza nella vita di tutti i giorni”. “Vogliamo, attraverso la musica, ispirarle perché adottino stili di vita più rispettosi dell’ambiente e ne diventino essi stessi portavoce: nascerà così una rete virtuosa di valori condivisi. Gli artisti sono con noi”.

“Siamo sicuri che la nostra collaborazione con Opera for Peace – commenta Christophe Debien, presidente OCCE – ci consentirà di sensibilizzare il mondo dello spettacolo ai temi e ai benefici portati dall’economia circolare: attraverso la musica e la danza si riesce a scaldare il cuore di ognuno di noi e portare pace e armonia nel mondo”.

Luca Pisaroni, basso-baritono ambasciatore di Opera for Peace sottolinea: “Questa nuova e importante iniziativa cambierà il modo in cui gli artisti vedono il mondo, e ci permetterà di connetterci meglio agli altri attraverso la nostra arte in una missione comune per la protezione del clima attorno ai valori dell’economia circolare”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui