Canon vuole riciclare toner delle cartucce usate per arricchire l’asfalto

E’ possibile riciclare i toner delle cartucce usate recuperandoli e trasformandoli in un additivo per l’asfalto.

riciclare toner delle cartucce usate
Credits: Canon Virginia, Inc.

Annunciata una partnership con la Basic Construction per riciclare toner

(Rinnovabili.it) – Un nuovo progetto di Canon Virginia Inc. (CVI) consente di riciclare toner delle cartucce usate per evitare gli sprechi dei residui di inchiostro non utilizzabili per la stampa. 

Ogni volta che le nostre stampanti ci segnalano che occorre sostituire una cartuccia, l’inchiostro non è esaurito completamente. Permangono dei residui che tuttavia sono insufficienti per far funzionare il processo di stampa e che finiscono inevitabilmente sprecati. Grazie al nuovo progetto statunitense, invece, possono essere riciclati in un additivo per l’asfalto che funga da colorante e legante nello stesso tempo. 

Non è la prima volta che si tenta questa strada. Già nel 2013 in Australia, si è sperimentata un’iniziativa simile, ribattezzata con il nome di TonerPave. L’innovazione adesso potrebbe essere messa a sistema grazie a Canon Virginia Inc, in particolare dal centro Canon Environmental Technologies di Gloucester, il più grande sito di riciclaggio di cartucce dell’azienda, dove è attivo il progetto Recycled Toner Pellet, che consente di riciclare i toner delle cartucce usate. 

leggi anche MakeITcircular, fino a 3.000 € per chi rende il mondo più “circolare”

Recycled Toner Pellets, una seconda vita per l’inchiostro

Il meccanismo è molto semplice. Il centro riceve le cartucce, che vengono smistate, ordinate per materiale e smontate. Le parti in plastica solida vengono fuse e trasformate in pellet da usare per nuove cartucce; le parti in metallo vengono spedite ai partner per il riciclaggio dell’azienda. 

Il toner rigenerato viene pellettizzato, componendo i Recycled Toner Pellets, che vengono impiegati come coloranti e leganti dell’asfalto da Basic Construction Company, il partner che Canon ha contattato per questo progetto e che ha già acquistato il 100% dei pellet realizzati. Il processo è possibile perché lo stesso toner è composto da plastica macinata, polvere di silicio e carbonio: componenti perfettamente adattabili allo scopo. 

“La sostenibilità è davvero parte del DNA di CVI“, ha affermato Thomas Keegan, Vice President of Manufacturing Engineering. “Dopo aver sviluppato il processo di riciclaggio per la maggior parte della plastica nelle cartucce del toner, i nostri ingegneri e tecnici si sono impegnati a trovare una soluzione e creare un processo per il toner di scarto”. 

Sono diversi anni che Canon insegue questo obiettivo, adesso che tutti i test di sicurezza e ambientali hanno dato il via libera alla sua attuazione, anche il Dipartimento dei Trasporti della Virginia ha autorizzato Basic Construction a utilizzare il pellet ricavato per l’asfalto delle strade locali.

Articolo precedenteL’Ue ha già raggiunto gli obiettivi di stoccaggio gas di novembre
Articolo successivoTorre dei Moro di Milano: un anno dopo l’incendio, la ricostruzione passa dalle archistar

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui