Come risparmiare energia? La IEA aiuta Google a mostrare informazioni utili

Il numero uno dei motori di ricerca attiva una nuova funzione per aiutare gli utenti ad ottenere articoli e informazioni affidabili sulla crisi energetica

Come risparmiare energia?
via depositphotos.com

Autodiagnosi online? Solo quella “energetica” è affidabile

(Rinnovabili.it) – La crisi energetica in Europa è diventata a tutti gli effetti un trend di Google. Le preoccupazioni per la sicurezza degli approvvigionamenti così come quelle per il caro bollette si sono tradotte direttamente in un aumento delle ricerche online di informazioni su come risparmiare energia.

Ed è la stessa Big G a rivelarlo. “Nel Regno Unito, un anno fa solo una ricerca su dieci sul tema dei prezzi dell’energia era una domanda sul ‘perché’, ‘come’ o ‘quando’. Ora è una su quattro“, scrive l’azienda. “In Germania, abbiamo riscontrato un trend di interesse per query come ‘come risparmiare gas naturale’, ‘costo del riscaldamento’ e come risparmiare energia; mentre in Belgio le ricerche su ‘come risparmiare sul gas’ sono aumentate di oltre il 5.000% dallo scorso anno”.

Per supportare gli utenti europei, il colosso di Mountain View ha deciso di attivare in 29 Paesi una nuova funzione, riordinando la marea di dati disponibili. E offrendo assieme al contributo dell’Agenzia internazionale dell’energia (IEA) alcuni consigli utili per contenere i costi. Nel dettaglio a partire dal 9 novembre chiunque cercherà informazioni sul panorama energetico, digitando “crisi energetica in Europa” e “prezzo dell’energia” avrà a disposizione, accanto ad una panoramica più generale, anche informazioni locali e una raccolta di notizie sul tema, “inclusa l’assistenza finanziaria qualora sia disponibile”.

Leggi anche Risparmio energetico, i consigli per ridurre la bolletta 2022

Come risparmiare energia?

Alle nuove funzionalità si aggiungono le azioni consigliate dalla IEA su come risparmiare energia:

  • Riscaldamento: riduci la temperatura – Abbassa la temperatura del termostato di appena 1 °C per risparmiare circa il 7% dell’energia utilizzata per il riscaldamento e ridurre così la bolletta di 50-70 euro in media all’anno.
  • Caldaia: regola la configurazione – La temperatura con cui è configurata la caldaia è spesso più alta di quanto sia necessario. Imposta l’acqua calda a 50 °C per risparmiare l’8% dell’energia per il riscaldamento e 100 euro su una bolletta media.
  • Aria calda: sigilla gli infissi – Chiudi porte e finestre, isola le tubature e verifica che non vi siano infiltrazioni di aria attorno a finestre, camini e altre fessure, in modo che l’aria calda rimanga all’interno. 

I suggerimenti provengono dai due nuovi “hub” online sulla crisi energetica globale e sul risparmio energetico lanciati recentemente dall’Agenzia per aumentare la disponibilità di informazioni affidabili su questi argomenti. Gli hub presentano nozioni di base, dati e analisi sulla natura della crisi, le sue cause e gli impatti, cosa si sta facendo al riguardo e quali misure possono essere adottate per migliorare la sicurezza e l’accessibilità energetica. “La IEA si sta impegnando ad eliminare la nebbia della disinformazione che circonda l’attuale crisi energetica globale e ciò che le persone possono fare per farvi fronte”, ha affermato il direttore esecutivo Fatih Birol. “È fondamentale che i responsabili politici, i leader aziendali e i consumatori abbiano accesso a dati, analisi e consigli accurati e imparziali”.

leggi anche Google Maps Green: suggerimenti per risparmiare carburante e limitare impatti ambientali

Articolo precedenteUe, arrivano target vincolanti per espandere i pozzi di carbonio naturali
Articolo successivoDall’Onu, le linee guida globali per creare policy verso emissioni nette zero

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui