Efficienza energetica nel Mezzogiorno, 430 mln per le imprese

Il Ministero dello Sviluppo economico ha concluso le attività di concessione delle agevolazioni a favore delle imprese in di Calabria, Campania, Puglia e Sicilia che hanno presentato domanda

Efficienza energetica nel Mezzogiorno, 430 mln per le imprese(Rinnovabili.it) – Oltre 430 milioni  di euro da destinare a ben 850 imprese nelle Regioni obiettivo Convergenza. Questo quanto stabilito dal Ministero dello Sviluppo economico in merito alle attività di concessione delle agevolazioni richieste con i bandi“Investimenti innovativi” ed Efficienza energetica (aperti rispettivamente il 4 marzo e il 29 aprile). Nel rispetto del termine di scadenza della Carta degli aiuti a finalità regionale, il Dicastero ha concluso il processo di assegnazione dei  finanziamenti agevolati destinati a investimenti innovativi ed efficientamento energetico in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

 

Delle oltre 1100 domande presentate, ne sono state selezione 850, aumentando in realtà i fondi stanziati; le risorse del bando “Investimenti innovativi” erano infatti inizialmente pari a 150 milioni di euro, ma visto la grande partecipazione registrata e di conseguenza il fabbisogno aumentato ha portato  il MISE ha incrementare il budget di ulteriori 189 milioni di euro, portando così la dotazione finanziaria complessiva disponibile per i due interventi esattamente a 439 milioni di euro.

 

Le agevolazioni,  sotto forma di finanziamento rimborsabile,  – si legge sul sito del MISE – coprono il 75% dei costi totali ammissibili dei programmi e consentiranno di realizzare investimenti tecnologicamente avanzati o per la riduzione del consumo di energia primaria, per un ammontare complessivo pari a oltre 570 milioni di euro, con un conseguente impatto positivo sulla competitività e sullo sviluppo tecnologico del territorio”. Saranno fruibili attraverso l’utilizzo di uno specifico contratto di conto corrente, denominato “conto corrente vincolato”, per la cui definizione è stata stipulata un’apposita convenzione con l’Associazione Bancaria Italiana (Abi).  La ripartizione delle agevolazioni concesse per dimensione delle imprese beneficiarie evidenzia che la categoria di imprese che ha beneficiato di più degli interventi agevolativi è quella delle micro e piccole imprese, con un ammontare di agevolazioni concesse pari a oltre 250 milioni di euro, seguita dalle imprese di medie dimensioni, con 132 milioni di euro, mentre alle imprese di grandi dimensioni sono state concesse agevolazioni per 46 milioni di euro.