I Paesi Bassi estendono l’obbligo di risparmio energetico

In risposta alla crisi il governo olandese estende il vincolo di riduzione dei consumi anche alle imprese energivore partecipanti all’ETS.

risparmio energetico
Foto di Free-Photos da Pixabay

Risparmio energetico, la prima misura contro il caro bollette

(Rinnovabili.it) – Dal 2019, nei Paesi Bassi, aziende e organizzazioni con un consumo annuale di 50.000 kWh o 25.000 m3 di gas naturale sono obbligate a risparmiare energia. Un vincolo che oggi il Governo olandese è pronto ad estendere. La crisi energetica che ha travolto l’Europa e le difficoltà di approvvigionamento innescate dalla guerra russa, continuano a mettere l’UE a dura prova. Ogni Stato membro è impegnato oggi a tutelare la propria sicurezza energetica attraverso misure nazionali che seguono passo dopo passo il progredire delle criticità.

leggi anche Anche i Paesi Bassi rispondono alla crisi energetica con il carbone

I Paesi Bassi hanno deciso di puntare essenzialmente su tre leve: più carbone, più nucleare e più risparmio energetico. E dopo aver lanciato una campagna nazionale invitando famiglie e imprese a risparmiare “quanta più energia possibile”, il Governo passa alle misure pesanti. Come spiegato dal Ministro il Clima e l’Energia, Rob Jetten, il vincolo per la riduzione dei consumi sarà esteso anche alle grandi aziende energivore partecipanti al mercato del carbonio UE (fino a ieri esentate dalla norma). Con la possibilità di aggiungere all’elenco anche le aziende orticole in serra.

 “Il risparmio energetico è certamente di importanza cruciale ora”, ha dichiarato Jetten. “Non dobbiamo produrre, pagare o importare energia che non utilizziamo. Le aziende possono dare un contributo importante in questo senso. Ciò è positivo anche per i costi energetici, il clima e ci rende meno dipendenti dai combustibili fossili dalla Russia”.

leggi anche L’Olanda mette 5 miliardi per 2 nuove centrali nucleari

In base alla normativa olandese, le imprese con obbligo di risparmio energetico dovranno adottare misure di efficientamento a scelta a partire da alcuni elenchi settoriali che il Governo si appresta ad aggiornare. “Con l’estensione [della misura] ai grandi utilizzatori di energia, il potenziale di risparmio è di circa 19 petajoule per il gas naturale e 7 petajoule per l’elettricità nel 2030. Pari a circa 1,2 megatonnellate di CO2 in meno”.

Articolo precedenteSiccità in Europa: cosa succede quando il climate change “gonfia” l’anticiclone delle Azzorre?
Articolo successivoDall’Europa, 16 mld di euro in 7 anni a chi specula sulla deforestazione in Sudamerica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui