L’Olanda mette 5 miliardi per 2 nuove centrali nucleari

Il governo ha accelerato i piani per potenziare l’energia dall’atomo a causa della crisi del gas, che sta costringendo il paese ad aumentare la generazione elettrica da carbone

Centrali nucleari: l’Olanda costruirà due nuovi impianti
via depositphotos.com

Le centrali nucleari sorgeranno entrambe a Borssele

(Rinnovabili.it) – Se la Germania non cambia i piani per chiudere le sue centrali nucleari e punta sul carbone per coprire l’ammanco di gas russo, l’Olanda punta sull’atomo. Il governo svelerà questa settimana i piani per costruire due nuovi impianti, rispondendo a una richiesta del parlamento arrivata sull’onda della crisi energetica scatenata dalla guerra in Ucraina. Anche se nel breve termine sta aumentando la generazione da carbone, imitando Berlino, e prevede di fare un uso più massiccio della fonte fossile più sporca almeno fino al 2024.

A fine maggio, il primo provider nazionale di gas, GasTerra, aveva rifiutato di andare incontro alla richiesta di Mosca di pagare le forniture di gas in rubli. In rappresaglia, nel giro di 24 ore il Cremlino ha chiuso i rubinetti all’azienda controllata da Shell, ExxonMobil e dal governo olandese. Ma già poche settimane dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, il parlamento nazionale aveva chiesto all’esecutivo di accelerare sull’energia dall’atomo.

Leggi anche L’Italia strizza di nuovo l’occhio al nucleare

L’idea di puntare di nuovo sull’atomo in realtà non dipende dalla guerra, fa parte del programma della coalizione di governo. L’energia nucleare aveva fatto capolino già lo scorso dicembre nell’agenda dell’esecutivo, anche se era supportata solo da un fondo iniziale di 500 milioni di euro. La proposta era di garantire un’estensione all’unica centrale nucleare in funzione nel paese, l’impianto di Borssele da 485MW inaugurato nel 1973, e di pianificarne altri due. Un cambio radicale di direzione rispetto alla scelta del parlamento, nel 1994, di avviarsi verso un phase out graduale dell’energia dall’atomo motivato da considerazioni sulla gestione delle scorie.

“Siamo pienamente impegnati a favore del vento, del sole e di altre fonti energetiche sostenibili”, ha dichiarato il ministro del Clima e dell’Energia, Rob Jetten. “Ma vogliamo anche una fonte di energia stabile e priva di CO2 in quel mix energetico”. Per il momento non sono trapelate indiscrezioni sulle nuove centrali nucleari, se non la località dove sorgeranno: la stessa Borssele, nel sud del paese, dove si trova l’impianto esistente. Il programma ha una dotazione 10 volte superiore a quella prevista in origine: 5 miliardi.

Leggi anche Germania, a Capodanno inizia l’addio al nucleare

Articolo precedenteSuperbonus bocciato dalla Corte dei Conti, ma Ance non è d’accordo
Articolo successivoCreato un biopoliestere simile al PET dai rifiuti agricoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui