Anche i Paesi Bassi rispondono alla crisi energetica con il carbone

Il governo olandese annuncia la rimozione del tetto applicato alle centrali termoelettriche più inquinanti, invitando cittadini e imprese a risparmiare energia. Jetten: “Ogni m3 di gas conta”

carbone paesi bassi
Foto di Helena Jankovičová Kováčová da Pixabay

L’Olanda lancia la prima delle tre fasi di emergenza

(Rinnovabili.it) – Anche i Paesi Bassi si preparano ad un’eventuale emergenza energetica invernale. Il governo olandese ha attivato ieri lo stato di pre-allarme, lanciando il nuovo Piano di protezione e recupero del gas. Una serie di misure per diversificare le proprie fonti e ridurre nel contempo i consumi. E come nel caso della Germania, il carbone è pronto a riconquistare terreno.

Allo stato attuale, sottolinea il Gabinetto, non vi sono gravi carenze di carburante a livello nazionale – il Paese importa dalla Russia solo il 15% di gas – ma il calo delle forniture europee potrebbe avere comunque delle conseguenze. “Ad esempio, per i prezzi dell’energia e per il riempimento degli impianti di stoccaggio nei Paesi Bassi e nell’Europa nord-occidentale”. “Non possiamo più garantire – spiega il ministro per il clima e l’energia Rob Jetten – d’essere in grado di riempire a sufficienza gli impianti di stoccaggio in Europa […] Il governo sta quindi lanciando un “allarme rapido” in modo da poter monitorare ancora più da vicino l’approvvigionamento di gas”.

Più energia del carbone e gas nazionale

Il piano prevede di revocare i limiti alla produzione termoelettrica a carbone dal 2022 al 2024 “con effetto immediato”. Ciò significa che le centrali già attive potranno nuovamente lavorare a pieno regime, permettendo al paese di risparmiare fino a 2 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Il governo ha promesso tuttavia che elaborerà, a breve, misure di compensazione per ridurre il conseguente aumento della CO2. Unitamente ad un piano per incentivare i grandi consumatori industriali a tagliare la propria domanda energetica.

 Non solo. Il Segretario di Stato Vijlbrief ha informato la Camera dei Rappresentanti che il giacimento di gas naturale di Groningen – il più grande in Europa – rimanderà la sua chiusura. Originariamente il Governo aveva fissato al 2023 la fine delle attività estrattive, che oggi invece continueranno anche se a ritmi ridotti rispetto al passato.

 Il gabinetto olandese ha anche lanciato un appello urgente a imprese e famiglie affinché continuano a risparmiarequanta più energia possibile”, anche in estate. “D’ora in poi – ha sottolineato Jetten – ogni metro cubo di gas conta”. Ad assistere i cittadini sarà una campagna di risparmio energetico ad hoc con nuovi consigli  rivolti al periodo estivo.

Articolo precedenteMobee e Miist insieme per una mobilità sostenibile
Articolo successivoIpotesi price cap sugli idrocarburi, la proposta Usa che non piace all’Europa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui