Riscaldamenti più bassi e monumenti spenti, le misure tedesche per tirare la cinghia

Le 2 nuove ordinanze sul risparmio energetico, approvate dal governo tedesco, dovrebbero contribuire a ridurre i consumi di gas di circa il due per cento

risparmio energetico
via depositphotos.com

Risparmio energetico, Habeck: “Ogni contributo conta”

(Rinnovabili.it) – Gli impianti di stoccaggio del gas naturale in Germania sono pieni per oltre l’80%. Cinque punti percentuali in più rispetto a livello obbligatorio previsto per il primo settembre. Eppure la situazione energetica rimane estremamente tesa. Con l’ennesimo stop annunciato da Gazprom per il Nord Stream 1 dal 31 agosto al 2 settembre (ma il gasdotto lavora ormai da settimane a solo il 20% delle sue possibilità) e le difficoltà d’approvvigionamento di carbone e petrolio a causa dei bassi livelli fluviali, il Paese si trova costretto a tirare la cinghia.

Il gabinetto federale ha approvato ieri due nuovi regolamenti sul risparmio energetico. Entrambe le ordinanze si basano sulla legge sulla sicurezza energetica e mirano ad aiutare gli altri interventi già approvati a livello energetico per mettere al sicuro il Paese da un completo blocco delle forniture di gas russo durante il prossimo inverno. Secondo le prime stime di Berlino, i provvedimenti potrebbero contribuire a ridurre i consumi di gas di circa il due per cento. Garantendo al contempo un risparmio di ben 10,8 miliardi di euro.

leggi anche Idrogeno verde canadese per la Germania: i 2 paesi firmano l’Alleanza

Per il ministro federale dell’economia e della protezione climatica, Robert Habeck, la Germania si trova ad affrontare “uno sforzo nazionale che richiede una forte interazione tra lo stato, le imprese e la società, tra il governo federale, gli stati, i comuni, le parti sociali, i sindacati, il commercio e le associazioni, nonché la società civile. Ogni contributo conta”.

I provvedimenti contengono misure specifiche per risparmiare gas ed elettricità, a breve e medio termine, negli enti pubblici, nelle aziende e nelle famiglie. Si va dal divieto di illuminare esternamente edifici o monumenti all’abbassamento delle temperature di riscaldamento. Quest’ultima non potrà superare i 19 gradi negli uffici negli edifici pubblici non residenziali, con l’obbligo negli stessi di spegnere gli impianti di riscaldamento dell’acqua potabile decentralizzati se impiegati solo per il lavaggio delle mani. E dovrà essere interrotto anche il riscaldamento degli ambienti quali corridoi, grandi atri, foyer o locali tecnici. Dagli interventi sono esclusi ovviamente, ospedali, strutture per persone con disabilità, asili e scuole.

leggi anche In Germania le rinnovabili elettriche hanno coperto metà dei consumi 2022

Negli edifici o nei giardini privati annessi sarà vietato riscaldare le piscine. Inoltre nei locali commerciali al dettaglio, se riscaldati, sarà vietato tenere aperte le porte e i sistemi di ingresso in modo permanente, e tutti i sistemi pubblicitari luminosi dovranno essere spenti dalle 22:00 alle 6:00 del giorno successivo. A livello edilizio, i proprietari di immobili con riscaldamento a gas dovranno effettuare un controllo degli impianti entro i prossimi due anni. E in caso di edifici di grandi dimensioni con sistemi centralizzati scatta l’obbligo di bilanciamento idronico. E ancora. Le aziende con un consumo energetico di 10 GWh l’anno saranno obbligate ad attuare misure di risparmio energetico a partire dal 1° ottobre.

Articolo precedenteBando Parco Agrisolare, come accedere agli incentivi per il fv agricolo
Articolo successivoInquinamento atmosferico in Cambogia, il piano per combatterlo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui