In Germania le rinnovabili elettriche hanno coperto metà dei consumi 2022

Nei primi sei mesi dell’anno, la domanda tedesca di elettricità è leggermente calata mentre è aumentata la produzione nazionale spinta dalla leva verde. Lo rendono noto, l’associazione BDEW e il Centro di ricerca ZSW

Incentivi alle rinnovabili elettriche
via depositphotos.com

 Le rinnovabili elettriche tedesche hanno aumento di 6 punti percentuali la loro copertura

(Rinnovabili.it) – Il 2022 rappresenta un anno sfidante sotto il profilo energetico, ma la Germania ha saputo almeno in parte attutire gli impatti più duri. Lo dimostrano i dati su consumi e produzione elettrica dei primi sei mesi all’anno, raccolti dal Centro per la ricerca solare (ZSW) e dall’Associazione federale per la gestione dell’energia e dell’acqua (BDEW). Secondo alcuni calcoli preliminari, da gennaio a giugno le rinnovabili elettriche tedesche avrebbero coperto il 49% della domanda. Un risultato elevato, secondo solo a quello del 2020. Quell’anno, tuttavia, il lockdown aveva sensibilmente ridotto il fabbisogno nazionale permettendo alla rete di diminuire l’apporto fossile.

Dai dati risulta che la quota rinnovabile nel consumo di elettricità per questo 2022 è stata di sei punti percentuali in più rispetto alla prima metà dello scorso anno. In particolare sono cresciuti in modo significativo gli apporti dell’eolico a terra e del fotovoltaico: ciascuno di essi ha generato circa un quinto di elettricità in più grazie ad un inizio d’anno ventoso e a un maggio e giugno particolarmente soleggiati.

leggi anche Domanda di gas naturale nel mondo, quanto crescerà nei prossimi anni?

I dati di produzione in dettaglio

Nella prima metà del 2022, la produzione lorda di elettricità in Germania è stata di 298 miliardi di kWh, con un aumento di quasi il 2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Di questi 139 miliardi di kWh sono arrivati dalle rinnovabili elettriche. Il consumo ha toccato invece quota 281 miliardi di kWh, ossia lo 0,8% in meno sul 2021, rafforzando il ruolo del Paese come esportatore netto di energia.

La produzione convenzionale di elettricità da nucleare, carbone e gas ha consegnato 159 miliardi di kWh nei primi sei mesi; il 6,7% in meno rispetto allo stesso periodo del 2021.

Il calo dei flussi di gas dalla Russia ha messo l’approvvigionamento energetico in Germania in una situazione eccezionale”, afferma Kerstin Andreae, presidente del consiglio di amministrazione di BDEW. “Il modo più sicuro per evitare tali situazioni in futuro è espandere rapidamente le energie rinnovabili. Sono la chiave per una fornitura di energia e calore verde, un’industria che produce idrogeno e mobilità a impatto climatico zero”.

Articolo precedenteL’amplificazione artica corre 4 volte più veloce (e va a salti)
Articolo successivoDa Hong Kong le celle a combustibile PEM più economiche al mondo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui