Dall’Artico alla savana: ecco l’elettrolita per batterie al litio adatte a ogni clima

Da un team di ricercatori internazionali, le batterie con elettroliti fluorurati in grado di funzionare a temperature molto alte o molto basse in perfetta sicurezza

elettrolita
Credit: Fan et al.

 

Dai carbonati ai fluorurati, come cambia l’elettrolita delle batterie

(Rinnovabili.it) – Dalle temperature bollenti equatoriali a quelle gelide dei Poli: per le batterie a ioni di litio è arrivato il momento di esplorare nuovi panorami applicativi. A renderlo possibile è il nuovo elettrolita creato da un gruppo di scienziati della University of Maryland negli Stati Uniti e della Zhejiang University in Cina.

Gli elettroliti sono quei componenti chimici che consentono il flusso di ioni tra il catodo e l’anodo all’interno delle batterie. Nella convenzionale tecnologia al litio sono composti a base di carbonato altamente infiammabili, fattore che ne limita notevolmente l’uso a certe temperature. Per la precisione i dispositivi a ioni di litio, oggi in commercio, possono funzionare in sicurezza solo tra -20°C e 50°C o con tensioni comprese tra 0,0 e 4,3 V.

 

>>leggi anche Batterie ricaricabili al calcio, trovato l’elettrolita perfetto<<

 

Per ampliare la finestra di stabilità elettrochimica di queste batterie, gli scienziati hanno impiegato una particolare classe di composti: elettroliti fluorurati con solventi non polari. In questo modo il team ha potuto disaccoppiare le proprietà elettrochimiche e fisiche degli elettroliti accedendo ad una ampia finestra di temperature (da -95°C a +70°C) e di tensioni (da 0,0 V a 5,6 V).

L’innovazione ha finora permesso agli scienziati di ottenere un’elevata stabilità elettrochimica all’interno di un range di tensioni più ampio e conduttività ioniche elevate in una gamma di temperature più estesa. Essendo totalmente non infiammabili, i nuovi elettroliti sono anche molto più sicuri rispetto a quelli carbonati, e in futuro potrebbero essere usati per costruire batterie ad alte prestazioni capaci di funzionare anche in climi estremi, ad esempio nell’Artico o nella savana africana.

“Ora – spiegano i ricercatori del gruppo –  cercheremo di ottimizzare la composizione delle batterie sviluppate per ridurne i costi collaborando anche con le industrie per la loro commercializzazione”. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Energy (testo in inglese). 

 

>>leggi anche . Arrivano le prime batterie litio-CO2 ricaricabili<<

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui