Nelle acque scozzesi si lavora al gigante eolico da 4,1 GW

SSE Renewables intende combinare due progetti offshore in un unico gigantesco impianto, la Berwick Bank Wind Farm, per accelerarne l’operatività

parco eolico offshore USA
Image by Thomas G. from Pixabay

L’eolico offshore scozzese punta al record mondiale

(Rinnovabili.it) – Il parco eolico offshore più grande al mondo? Attualmente il titolo appartiene a Hornsea 1, progetto inglese che, con le sue 174 turbine per 1,2 GW, vanta un primato mondiale. Ma i record sono fatti per essere superati. E tra i futuri possibili pretendenti si candida oggi la Berwick Bank Wind Farm, un gigante da ben 4,1 GW.

L’impianto nasce dalla fusione di due progetti eolici che la SSE Renewables intende riunire in fase di sviluppo. Parliamo dell’attuale Berwick Bank e del Marr Bank, pianificati al largo della costa orientale della Scozia. L’obiettivo è accelerare la messa in opera, raddoppiando in un solo colpo la capacità offshore nazionale attualmente in funzione. Una volta a regime la nuova centrale sarà in grado di generare abbastanza energia pulita e rinnovabile da soddisfare il fabbisogno elettrico di oltre cinque milioni di case. In altre parole potrebbe rifornire una popolazione doppia rispetto a quella odierna nel Paese.

Leggi anche Siemens Gamesa lancia la prima pala eolica riciclabile mai prodotta al mondo

Nel contempo, sottolinea la società, eviterà otto milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno. Un quantitativo pari alla rimozione annuale di tutte le auto dalle strade nazionali. “Il progetto della Berwick Bank Wind Farm è già in una fase avanzata di sviluppo – spiega SSE Renewables – con una domanda di pianificazione che dovrebbe arrivare al governo scozzese nella primavera del 2022. Se approvato […] potrebbe iniziare a generare elettricità pulita nella seconda metà di questo decennio“. Fornendo più di un terzo dell’obiettivo eolico offshore scozzese per il 2030.

“La decarbonizzazione della nostra domanda energetica – ha commentato il segretario per il cambiamento climatico Michael Mathesonè una componente vitale della nostra giusta transizione verso le zero emissioni. Il nostro settore delle energie rinnovabili, leader a livello mondiale, svolgerà un ruolo fondamentale in tutto ciò. La continua crescita dell’eolico offshore nel prossimo decennio sarà cruciale per raggiungere i nostri obiettivi climatici a breve termine […] e per farlo dovremo lavorare in modo innovativo, velocemente e con agilità”.

Leggi anche Aste e gare fanno volare la capacità eolica mondiale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui