Eolico: il Messico mette sul piatto 14 miliardi

Confermando una tendenza all’attrattività per gli investitori nelle rinnovabili, lo Stato messicano punta a triplicare la potenza dell’eolico al 2018

Eolico il Messico ci mette 14 miliardi

 

(Rinnovabili.it) – Il Messico scommette miliardi sull’eolico. Ammonteranno a 14 miliardi di dollari gli investimenti in parchi eolici da costruire tutto il Paese tra il 2015 e il 2018. Lo fa sapere il ministero dell’Energia messicano, che precisa gli intenti del governo: l’impegno sarebbe quello triplicare la capacità installata, passando dagli attuali 2.5 GW circa, a 9.5 GW. La notizia viene dall’agenzia di stampa Reuters, captata che l’ha riferito dopo aver captato un’intervista concessa ad una radio locale dal ministro dell’Energia, Pedro Joaquin Coldwell.

 

A beneficiare di una grossa fetta dei prossimi investimenti – svela il ministero – dovrebbe essere la società elettrica statale CFE, in quanto ha in programma lo sviluppo di otto parchi eolici per una capacità di 2.3 GW complessivi e un costo di circa 3 miliardi di dollari.

Coldwell ha aggiunto che una serie di aziende nazionali e internazionali, hanno dimostrato interesse e volontà di investire nel progetto messicano di aumentare la potenza installata nel settore delle rinnovabili.

 

Il Messico è diventato un mercato attraente per gli investimenti in energia pulita a partire dal 2012, grazie all’approvazione di una legge spartiacque  sul cambiamento climatico. Si è classificato 24° nell’indice di attrattività per gli investitori delle rinnovabili (Renewable energy Country Attractiveness Index – Recai) stilato dal gigante dei servizi finanziari EY, appena dietro la Spagna e davanti ad Austria, Israele e Irlanda.

 

Lo scorso giugno, il Paese ha promulgato ufficialmente il suo pacchetto di riforme nel settore energia, spingendo la più grande utility spagnola, Iberdrola, ad annunciare l’intenzione di investire 5 miliardi di dollari nei settori della generazione, trasmissione, distribuzione e stoccaggio messicani entro i prossimi quattro anni.

Il mese successivo, il governo ha siglato un patto sul clima con la California, che prevedeva l’impegno a lavorare insieme per la promozione delle energie rinnovabili, la comunicazione delle emissioni di gas a effetto serra, il miglioramento della qualità dell’aria, e l’ampliamento del mercato delle auto elettriche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui