Con Icewind il mini eolico non teme neppure il vento dell’Islanda

Le speciali turbine create dall’inventore islandese Saethor Asgeirsson, possono funzionare con venti che soffiano fino a 50 m/s

Con Icewind il mini eolico non teme neppure il vento dell’Islanda

 

(Rinnovabili.it) – In Islanda le rinnovabili soddisfano oramai ampiamente tutto il fabbisogno elettrico della popolazione. Con una produzione annuale di oltre 17 TWh fornita esclusivamente da idroelettrico e geotermia, le green energy la fanno da padrone. Ma acqua e vulcani non sono le uniche risorse sfruttabili del territorio: sull’Isola soffiano venti corposi che raggiungono normalmente i 18 m/s e nei giorni di tempesta arrivano fino 50 m/s. Perché allora non provare a sfruttare anche i doni di Eolo, si sono detti alcuni ingegneri del posto? Nasce così Icewind, speciale mini eolico adatto ai climi freddi e turbolenti.

 

Le turbine eoliche tradizionali, ad elevate velocità (20–25 m/s, velocità di cut-off) sono bloccate dal sistema frenante per ragioni di sicurezza. Le Icewind, progettate dall’omonima azienda con sede a Reykjavík, riescono invece a funzionare con venti straordinariamente forti: oltre i 50 m/s. Si tratta di piccole unità ad asse verticale realizzate in fibra di carbonio, acciaio inox e alluminio. Sono in grado di funzionare anche con deboli brezze (velocità inferiori ai 2 m/s) a prescindere dalla direzione in cui soffiano, e di farlo mantenendo il rumore sotto i 35 db. Inoltre, promettono gli ingegneri, non hanno praticamente bisogno di manutenzione. “Quanto più semplice è il sistema più a lungo durerà”, spiega l’inventore Saethor Asgeirsson e cofondatore dell’azienda. Le lame curve di questa nuova turbina fanno sì che, in caso di forti venti, riescano a catturare l’energia da un lato mentre dall’altro si oppongono alla forza stessa. Il risultato? L’aerogeneratore si auto-rallenta senza bisogno di costosi freni meccanici.

 

 

IceWind_skyli

 

L’azienda ha già pronte due versioni della sua mini-turbina (per quella resistente alle forti raffiche bisognerà attendere ancora): la prima  – Icewind RW – è stata appositamente progettata per essere integrata su torri di telecomunicazione e macchine di sorveglianza; la seconda, Icewind CW si rivolge direttamente alle applicazioni residenziali. L’ingresso sul mercato avverrà in America ed Europa nel primo trimestre del 2016.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui