Rinnovabili, la Germania riduce del 43% gli oneri in bolletta

Altmaier: “La sovrattassa EEG per il 2022 è al livello più basso degli ultimi 10 anni. Le energie rinnovabili stanno diventando sempre più competitive con i combustibili fossili”.

oneri in bolletta
Crdits: © BMWi / Andreas Mertens

  Entrate dell’ETS e borsa elettrica permettono di ridurre gli oneri in bolletta

(Rinnovabili.it) – Si fanno un po’ più leggere anche le bollette tedesche. La Germania come altri paesi europei è alle prese con il boom dei prezzi energetici, che ha portato la spesa media per le sue famiglie e le piccole imprese a 31,94 centesimi per kilowattora nella prima metà del 2021. Più della metà di questo valore – ossia 16,4 centesimi/kWh – è tuttavia legato a componenti come tasse, imposte e supplementi. Ed entrando ancora più in dettaglio si scopre che 6,5 ct/kWH sono solo gli oneri in bolletta pagati per le rinnovabili. Il cosiddetto supplemento EGG o sovrattassa EGG (EEG -Umlage).

Questa voce è fissata dai gestori della rete di trasmissione sulla base della Legge sulle Fonti Energetiche Rinnovabili (EEG) sulla base delle spese previste (in particolare remunerazioni e premi di mercato per i produttori verdi) e sui proventi (in particolare dalla commercializzazione dell’energia elettrica rinnovabile) nonché sull’ammontare del consumo di elettricità relativo al trasferimento. In questi giorni i gestori della rete elettrica tedesca hanno annunciato l’importo per il prossimo anno rivelando che la sovrattassa EEG sarà ridotta dagli attuali 6,5 ct/kWh a 3,723 ct/kWh di gennaio 2022. Si tratta di un taglio del 43%.

Le ragioni del calo sono due. Da un lato l’aumento dei prezzi dell’elettricità in borsa ha fatto crescere i ricavi della vendita dell’elettricità rinnovabile, diminuendo di contro la necessità di sussidi. Dall’altro è intervenuta direttamente Berlino attraverso le entrate del mercato del carbonio. La stessa misura impiegata dal governo italiano per ridurre i propri oneri in bolletta. Nel dettaglio la sovrattassa EEG riceverà una sovvenzione federale di 3,25 miliardi euro ottenuti dalle quote della CO2. 

“Il supplemento EEG per il 2022 è al livello più basso degli ultimi 10 anni”, ha commentato Il ministro federale dell’economia Peter Altmaier.  “Le energie rinnovabili stanno diventando sempre più competitive con i combustibili fossili. Soprattutto in tempi in cui i prezzi di gas, petrolio e carbone sul mercato mondiale sono in aumento, questa riduzione rappresenta una buona e importante notizia per i consumatori tedeschi e la nostra economia. In particolare le piccole e medie imprese. Ma lo dico chiaramente: non possiamo fermarci a questo livello con il supplemento EEG . La riduzione non deve svanire come un effetto una tantum. Abbiamo bisogno di abolirlo completamente il prima possibile”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui