Quattro proposte per sbloccare subito le rinnovabili italiane

In questi anni le rinnovabili italiane sono cresciute ma il ritmo di sviluppo continua a non essere allineato agli obiettivi energetici 2030.

rinnovabili italiane
Foto di jwvein da Pixabay

Gli scogli delle rinnovabili italiane e alcune soluzioni per aggirarli

(Rinnovabili.it) – I recenti flop nelle aste del DM Fer 1 hanno lasciato un profondo segno nell’ambizione verde nazionale. In questi anni le rinnovabili italiane sono cresciute ma il ritmo di sviluppo continua a non essere allineato agli obiettivi energetici 2030. Il problema più grande? L’iter autorizzativo dei nuovi impianti che si scontrano oggi con una ragnatela di provvedimenti regionali e burocrazia.

Dopo circa due anni nelle 6 procedure per le fonti rinnovabili – spiega il Presidente del Coordinamento Free, Livio de Santoli sono stati assegnati circa 3.127 MW rispetto a 5.660 previsti”. Tre gigawatt in due anni mentre il Piano nazionale energia clima ne chiede 42 entro il 2030. Target che, con molta probabilità, sarà innalzato a 70 GW dopo la revisione governativa. “Ciò significa che stiamo marciando verso l’obiettivo europeo con una lentezza inaccettabile. Di questo passo raggiungeremo gli obiettivi di 42 GW nel 2048 e quelli di 70 GW nel 2065″, aggiunge de Santoli. 

I problemi delle rinnovabili italiane non sono un mistero e il Governo ha già avviato delle contromisure per semplificare ed accelerare lo sviluppo verde. Ma per il comparto, il lavoro da fare è ancora molto. Sulla questione interviene lo stesso Coordinamento Free ricordando quattro misure “radicali e coraggiose” per affrontare le odierne criticità.

Le proposte del Coordinamento Free

  • Raddoppiare il contingente: quello attuale non è in grado di far raggiungere al nostro Paese gli obiettivi europei.
  • Individuare immediatamente le aree dove si possono realizzare gli impianti a fonte rinnovabile senza vincoli: non bastano le linee guida della Presidenza del Consiglio, ma occorre contingentare i tempi di risposta da parte delle Regioni, ed eventualmente avocare centralmente le decisioni.
  • Definire presto le quote minime di riduzione delle emissioni da assegnare ad ogni regione (burden sharing).
  • Migliorare le proposte legislative sulle semplificazioni che allo stato appaiono blande e inefficaci, per esempio, limitare il ruolo delle Sovrintendenze alle aree di propria pertinenza e a quelle effettivamente che saranno definite non idonee.

“Nel caso del fotovoltaico – spiega l’Associazione – occorrerà necessariamente prevedere impianti a terra, da ricondurre innanzitutto nelle aree a vocazione industriale e alle aree agricole degradate, abbandonate o comunque alle aree dichiarate inidonee alla produzione agricola […] nonché a soluzioni agrovoltaiche su aree agricole produttive”. Il Coordinamento FREE ha calcolato circa 37.500 ettari impegnabili nel fotovoltaico.

Per l’energia del vento chiede di individuare delle procedure “super semplificate” applicabili a tutti i siti senza vincoli o in quelli oggetti di repowering. “Infine, per traguardare questi obiettivi occorre rivedere le attuali politiche di sostegno al fotovoltaico, a partire dal DM Fer 1. Per l’eolico è urgente l’individuazione di un meccanismo di adeguamento della tariffa di sostegno che tenga conto del significativo aumento del costo degli aerogeneratori (più 15%) dell’ultimo periodo dovuto all’incremento dei costi delle materie prime”.

Articolo precedenteIl lungo inverno di Pechino passa (ancora) dalle miniere di carbone
Articolo successivoOggi si celebra la Giornata mondiale degli uccelli migratori

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui