Inaugurato l’impianto fotovoltaico da 4 MW dell’IKEA di Lione

Il Gruppo Derbigum protagonista per aver posato sul tetto 80.000 m2 di manto impermeabile e 15.000 pannelli fotovoltaici

ikea(Rinnovabili.it) – E’ stato inaugurato ieri alla presenza della stampa l’impianto fotovoltaico del deposito IKEA di Lione installato da Derbigum.

Il Gruppo belga ha in primis impermeabilizzato il tetto dell’edificio per una superficie totale di 80.000 m², il perimetro del deposito misura infatti ben 4 km.

Inoltre ha installato un impianto da 4 MW in moduli fotovoltaici cristallini per un investimento totale di 11,6 milioni di euro (di cui 4,5 milioni per l’impermeabilizzazione).

 

Nello specifico è stata Derbigum Energie France a occuparsi di questo importante progetto affiancata da tre aziende appartenenti alla rete internazionale degli Applicatori Approvati Derbigum: CIME NORMANDIE – Georges DUWIQUET / MAE – Mathieu ANDRE / APC ETANCH –Christian MORENO.

Per questo progetto è stato utilizzato il sistema DERBIFIX F, ovvero una soluzione per impianti semi integrati che può essere installata su qualsiasi tipologia di tetto. Questo sistema consente di sfruttare al massimo tutta la superficie disponibile per produrre più energia possibile.

Il tetto è stato impermeabilizzato con DERBIGUM GC4 FR – un manto speciale classificato Broof(t3) e particolarmente affidabile, destinato a progetti di costruzioni che richiedono prestazioni eccezionali. Sul manto sono poi stati installati gli elementi di fissaggio DERBIFIX F, ovvero traversine collegate al manto impermeabile tramite strisce di fissaggio saldate e pressate al manto impermeabile e ai due binari FV. In seguito sono stati posati e fissati i circa 15.000 pannelli fotovoltaici su altrettante traversine e strisce di fissaggio, 150 km di cavi, 9 inverter da 360 kW, 3 cabine di trasformazione e una di consegna.

Il progetto IKEA ha un aspetto sostenibile, come tutte le commesse Derbigum. Sono stati raccolti tutti gli sfridi di lavorazione e inviati in Belgio per essere riciclati e reimmessi nel ciclo produttivo.

Derbigum ha da tempo avviato l’attività di raccolta e riutilizzo di scarti e materiali rimossi che vengono reintrodotti nel ciclo produttivo. Sono già 4.000 all’anno le tonnellate di bitume riciclate, ma l’obiettivo sul lungo termine è ambizioso: l’impatto zero nel 2020.