Pubblicati i risultati del progetto di ricerca HHK

Un progetto di ricerca per l’utilizzo di componenti basati su semiconduttori innovativi dedicati ad inverter fotovoltaici con potenze nell’ordine dei megawatt.

PPS_Panorama_Solarfeld(Rinnovabili) – SMA Solar Technology AG (SMA) ha avviato, con importanti partner nei settori della ricerca e dell’industria, un progetto di ricerca per l’utilizzo di componenti basati su semiconduttori innovativi negli inverter fotovoltaici con potenze nell’ordine dei megawatt. Il progetto è stato promosso anche dal Ministero Federale per l’Istruzione e la Ricerca tedesco, che ha stanziato più di tre milioni di Euro.

Il progetto HHK (componenti per alte frequenze e alte intensità per l’utilizzo in ambito medicale e in inverter fotovoltaici con potenze nell’ordine dei megawatt) si pone l’obiettivo di sfruttare i vantaggi dei componenti basati su semiconduttori adatti anche per applicazioni ad alta intensità in un ampio range di potenza. Ciò consentirà di aumentare il grado di rendimento e l’efficienza energetica e di ridurre i costi degli inverter.

Oltre a SMA, al progetto di ricerca della durata di tre anni parteciperanno anche CONTAG AG, Fraunhofer IISB, Fraunhofer IZM, Heraeus, SEMIKRON Elektronik GmbH & Co. KG, Siemens AG, TDK EPCOS AG e l’università di Kassel. Il coordinamento del progetto sarà affidato a SEMIKRON.

I grandi impianti fotovoltaici, con potenze nell’ordine dei megawatt, costituiscono in tutto il mondo un pilastro per l’approvvigionamento energetico del futuro. Le innovazioni tecnologiche contribuiscono a ridurre ulteriormente i costi per la produzione di energia solare in questi impianti e a rafforzare il potenziale di esportazione dell’industria fotovoltaica tedesca in questo segmento in rapida crescita.

Con queste premesse, i partner studieranno nei prossimi tre anni l’utilizzo di nuovi elementi basati su semiconduttori e moduli di potenza a bassa induttanza e svilupperanno soluzioni specifiche per inverter centralizzati altamente efficienti ed economici. Oltre a ridurre i costi, ci si propone anche di migliorare i requisiti di applicazione del fotovoltaico in termini di funzionalità, rendimento e ciclo di vita.

Un secondo campo di applicazione di questa nuova tecnologia è il settore medicale. In questo caso l’attenzione è puntata soprattutto sull’alta frequenza e sullo sviluppo di inverter medicali ultracompatti. Soluzioni ottimali possono essere messe a punto soprattutto nel campo della tomografia assiale computerizzata (T.A.C.) per la quale è necessario gestire potenze elevate durante la diagnostica per immagini con raggi X.