Le rinnovabili sbarcano sull’Isola di Pasqua

Il fotovoltaico aiuterà l’isola a produrre energia e acqua calda limitando così il consumo di gasolio odierno, che ammonta a circa seimila litri

Le rinnovabili sull'Isola di Pasqua(Rinnovabili.it) – Le rinnovabili arrivano anche nel luogo abitato tra i più isolati al mondo. L’Isola di Pasqua, in lingua aborigena Rapa Nui, si è dotata di un sistema di illuminazione fotovoltaico istallato in spazi pubblici e appena messo in funzione. L’impianto oltre che ad illuminare le aree viene utilizzato per ottenere acqua calda sfruttando la potenza del sole.

 

I dispositivi per l’illuminazione che sfruttano la tecnologia del fotovoltaico e quindi le fonti rinnovabili sono stati istallati ad Ara Piki nei parco giochi Hanga Roa Otai e nelle piazze Libertad, Riro A Kainga e Toro Tekena mentre i sistemi termici che danno acqua calda a circa 200 persone sono stati istallati presso il  Liceo Aldea Educativa Rapanui, il Centro de Adulto Mayor, una Casa per Bambini e una palestra comunale.

La realizzazione del progetto fotovoltaico fa parte di un’iniziativa più ampia che ha come obiettivo la trasformazione dell’isola in una delle riserve antropologiche più importanti del Pianeta che si muove verso un futuro di sostenibilità. Al momento, rivelano i dati, ogni giorno l’isola consuma circa seimila litri di gasolio per far fronte alle necessità energetiche della popolazione.