Idrogeno dalle turbine eoliche offshore, il passo avanti di Oyster

Il progetto ha ricevuto 5 milioni di euro dal FCH2-JU per valutare la fattibilità di integrare la tecnologia eolica marina con quella degli elettrolizzatori

Idrogeno dalle turbine eoliche offshore
Image by David Will from Pixabay

L’idrogeno rinnovabile prende il largo

(Rinnovabili.it) – E se la produzione di idrogeno verde arrivasse direttamente dal mare? Su questo obiettivo sono in molti a ragionare, ma oggi un nuovo progetto di ricerca intende accelerare verso la fase commerciale. Parliamo di OYSTER, iniziativa coordinata da Element Energy, che racchiude nomi come ITM Power, Ørsted e Siemens Gamesa Renewable Energy. Il consorzio ha ricevuto in questi giorni 5 milioni di euro dalla Fuel Cells and Hydrogen 2 Joint Undertaking (FCH2-JU), un partenariato pubblico privato della Commissione Europea. Il finanziamento servirà a studiare la fattibilità e il potenziale del mix idrogeno ed eolico. L’obiettivo del progetto è, infatti, riuscire a combinare le turbine eoliche offshore direttamente con gli elettrolizzatori. Un sistema completo su scala megawatt a cui affiancare ovviamente anche l’infrastruttura di trasporto del combustibile a riva.

Leggi anche UE: la Strategia Energie Rinnovabili Offshore punta a 340 GW marini

Nel dettaglio, la progettazione dell’elettrolizzatore (l’apparecchio che scinde le molecole d’acqua per produrre ossigeno e idrogeno) sarà l’elemento centrale. L’impianto dovrà essere compatto per consentire l’integrazione con l’aerogeneratore e in grado di seguire il profilo di produzione eolica. Inoltre, vista la localizzazione marina, dovrà anche integrare meccanismi di desalinizzazione e trattamento dell’acqua. Il progetto inizierà quest’anno per concludersi alla fine del 2024, con un primo prototipo.

All’interno del consorzio, ITM Power è responsabile dello sviluppo del sistema elettrolizzatore e dei test su di esso; Ørsted guiderà l’analisi della distribuzione offshore, lo studio di fattibilità delle future implementazioni e supporterà ITM nelle sperimentazioni marine. Siemens Gamesa ed Element Energy forniranno invece competenze tecniche e di progetto.

Leggi anche Ecco il Manifesto per lo sviluppo dell’eolico offshore in Italia

“Per creare un mondo che funzioni interamente con l’energia verde, dobbiamo elettrificare il più possibile” , ha affermato Anders Christian Nordstrøm , vicepresidente e capo delle attività sull’idrogeno di Ørsted. “Tuttavia, alcuni settori non possono decarbonizzarsi attraverso l’elettrificazione. È qui che l’idrogeno rinnovabile potrebbe svolgere un ruolo significativo. La produzione offshore potrebbe essere un modo futuro e supplementare per portare grandi quantità di energia generata dall’eolico marino a terra. In qualità di più grande azienda eolica offshore al mondo, siamo ovviamente desiderosi di capire meglio cosa servirà per produrre idrogeno rinnovabile offshore”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui