IPCEI Hy2Tech, 41 progetti europei per l’idrogeno finanziati da 5,4 mld

La Commissione europea approva il nuovo IPCEI per sostenere la ricerca, l’innovazione e la diffusione industriale delle tecnologie dell’H2. Sette i progetti italiani

IPCEI Hy2Tech
via depositphotos.com

Cosa è l’IPCEI Hy2Tech, importante progetto di comune interesse europeo

(Rinnovabili.it) – Ben 41 progetti condotti da 35 imprese in 15 Stati membri e finanziati con un totale di 5,4 miliardi di euro in finanziamenti pubblici. Questi i numeri di IPCEI Hy2Tech, nuova iniziativa “di comune interesse” a sostegno della filiera europea dell’idrogeno. La Commissione Europea ha dato il suo ok la scorsa settimana dopo aver riscontrato che possedesse tutte le caratteristiche chiave degli IPCEI. Ossia che sostenesse un obiettivo comune; che sviluppasse tecnologie e processi oggi non offerti dal mercato; che avesse bisogno del sostegno pubblico; che non falsasse la concorrenza. “L’idrogeno ha un enorme potenziale per il futuro”, ha spiegato la vicepresidente esecutiva Margrethe Vestager , responsabile della politica di concorrenza. “Investire in tali tecnologie innovative può tuttavia essere rischioso per uno Stato membro o per una sola impresa. È qui che le norme sugli aiuti di Stato per l’IPCEI hanno un ruolo da svolgere”. 

leggi anche Idrogeno verde dalle acque reflue, se l’energia incontra la sicurezza idrica

 L’IPCEI Hy2Tech coprirà un’ampia parte della catena del valore dell’idrogeno, dalle tecnologie di generazione a quelle di utilizzo, passando per stoccaggio, trasporto e la distribuzione dell’idrogeno. L’obiettivo è contribuire allo sviluppo di importanti scoperte e applicazioni, inclusi nuovi materiali per elettrodi altamente efficienti, celle a combustibile più performanti. Nel dettaglio coinvolgerà  41 progetti di 35 imprese, tra cui 8 PMI e start-up, con attività in uno o più Stati membri. Di questi, sette sono condotti da realtà italiane, quali: Ansaldo, Enel, De Nora, Fincantieri, Iveco e Alstom.

I partecipanti diretti coopereranno strettamente tra loro attraverso numerose collaborazioni pianificate e con oltre 300 partner esterni, come università, organismi di ricerca e imprese in tutta Europa, creando circa 20.000 posti di lavoro diretti.

leggi anche Fondo IPCEI: 1,7mld di incentivi a batterie, H2 e innovazione elettronica

 I risultati dell’IPCEI saranno ampiamente condivisi dalle aziende partecipanti che beneficeranno del sostegno pubblico con la comunità scientifica e l’industria europea al di là delle aziende e dei paesi che fanno parte dell’IPCEI. Di conseguenza, spiega la Commissione, si genereranno effetti di ricaduta positivi in tutta Europa”.

Articolo precedenteSemi autoctoni, usarli in Kenia è un reato
Articolo successivoL’UE vuole 20 miliardi di m3 di gas dall’Azerbaijan

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui