Firmato il contratto per l’impianto OTEC più grande al mondo

Lockheed Martin e Reignwood danno il via alla realizzazione dell’impianto da 10 MW che sfrutta il gradiente termico delle acque oceaniche per produrre elettricità

Firmato il contratto per l'impianto OTEC più grande al mondo(Rinnovabili.it) – Siglato il contratto tra il gigante aerospaziale Lockheed Martin e il Gruppo Reignwood, per la realizzazione del più grande impianto OTEC al mondo. La firma è il primo passo concreto dell’intesa annunciata la primavera di questa’anno e che mira ad installare a largo della costa meridionale della Cina una centrale Ocean Thermal Energy Conversion” da 10 MW. “Il contratto – spiega Dan Heller della Lockheed – è solo la punta di un iceberg e ciò a cui siamo più interessati è portare a termine il progetto in modo in modo da offrirlo ad altri clienti”. A regime l’impianto, sfruttando il gradiente termico delle acque oceaniche, soddisferebbe il 100% delle necessità elettriche di un nuovo resort di lusso realizzato sull’isola di Hainan; la centrale sarebbe abbastanza potente da fornire energia elettrica a circa 10.000 piccole case o condomini.

 

Le intenzioni della società americana, come spiega lo stesso Heller, sono quelle di scalare la tecnologia per arrivare a costruire impianti da 100 MW, “che diventerebbero economicamente molto più sostenibili”. “A quel punto avremmo un mercato solido andando a proporci a tutti quei paesi con le giuste risorse oceanografiche”, conclude Heller. Nel dettaglio, il processo OTEC utilizza le differenze di temperatura tra le acque tropicali calde della superficie oceanica e quelle fredde in profondità. Le prime riscaldano un fluido con un basso punto di ebollizione, come l’ammoniaca, fino ad ottenere una pressione gassosa sufficiente ad azionare una turbina elettrica. Il gas viene quindi raffreddato mediante il passaggio del tubo nell’acqua fredda pompata dal mare profondo attraverso massicci tubi in vetroresina lunghi anche 1.000 metri.