Bollette gas e luce, il III trimestre 2022 si stabilizza

Gli interventi programmati dal Governo annullano i nuovi rincari stabilizzando la spesa per il gas. In lieve aumento quella elettrica.

bollette gas 2022
via depositphotos.com

ARERA aggiorna i costi dell’energia sul mercato tutelato

(Rinnovabili.it) – Frena la corsa al rialzo delle bollette gas e luce 2022. Nel terzo trimestre dell’anno i prezzi del mercato tutelato registreranno una stabilizzazione per effetto dei provvedimenti adottati dal Governo e degli interventi attuati da ARERA. È la stessa Authority a rivelarlo nel consueto aggiornamento dei costi dell’energia. Ben inteso: nessun calo all’orizzonte, solo un piccolo rallentamento (+0% gas e +0,4% elettricità) che invita a non abbassare la guardia. Ma in assenza di misure correttive, ci tiene a sottolineare ARERA, il quadro generale sarebbe stato ben più pesante. Con un più 45% nella bolletta gas e un più 15% in quella elettrica da luglio a settembre 2022.

I mercati europei dell’energia

D’altra parte lo scenario complessivo non è cambiato. Il conflitto russo-ucraino continua ad esercitare pressione sul mercato energetico europeo, incrementando la volatilità di petrolio, carbone e gas naturale. I prezzi di quest’ultimo si stanno mantenendo alti, con picchi di 130-140 €/MWh per le quotazioni spot e a termine solo negli ultimi giorni. E di conseguenza stanno producendo chiari effetti anche sui mercati elettrici nazionali. In questi mesi, il PUN italiano si è mantenuto abbondantemente sopra i 200 €/MWh. 

Non solo. La riduzione dei flussi di gas provenienti dalla Russia (i tre principali gasdotti – Nord Stream, Yamal e via Ucraina – hanno registrato tagli del 70% rispetto al 2021) aumenta le incertezze per il futuro. Dobbiamo preoccuparci per il prossimo inverno? Per ora sembrerebbe di no. Il taglio alle forniture russe è stato in parte compensato dalle maggiori importazioni di GNL, che hanno permesso, per ora, agli stoccaggi europei di riempirsi fino al 57% della loro capacità. L’obiettivo è portare la quota all’80% prima dell’autunno.

Le bollette gas ed elettricità nel dettaglio

ENERGIA ELETTRICA – Dal 1° luglio 2022, il prezzo di riferimento per il cliente tipo del mercato tutelato sarà di 41,51 cent per kWh: il 75,1% è legato ai costi dell’approvvigionamento dell’energia; il 4,6% alla commercializzazione al dettaglio; il 9,3% ai servizi di distribuzione, misura, trasporto, perequazione della trasmissione e distribuzione, qualità; lo 0% agli oneri di sistema; Imposte: l’11% alle imposte (IVA e accise).

GAS NATURALE – Dal 1° luglio 2022, il prezzo di riferimento per il cliente tipo è di 123,62 cent/ per m3: l’87,71% del totale della bolletta è determinato dall’approvvigionamento del gas naturale; il 4,53% dalla vendita al dettaglio; il 15,94% dai servizi di distribuzione, misura, trasporto, perequazione della distribuzione, qualità. -26,95% dagli oneri generali di sistema; il 18,77% del totale dalle imposte (accise, addizionale regionale, IVA).

 A conti fatti la bolletta elettrica “annuale” di una famiglia tipo sarà del 91% superiore a quella dell’anno precedente. La bolletta gas di circa il 70,7% in più.

Articolo precedenteLa digitalizzazione al servizio dell’efficienza energetica industriale, le soluzioni di ABB
Articolo successivoTaglio delle emissioni, la Corte suprema cancella la politica climatica di Biden

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui