Moratoria sul fracking, tutto da rifare per Biden

Un giudice federale cancella lo stop alle trivellazioni su terre federali, per l’estrazione convenzionale e non, che il presidente aveva imposto nel primo giorno di mandato. La sentenza arriva a chiusura di una causa intentata da 12 Stati

Fracking: la guerra di Biden alle trivelle inizia in salita
via depositphotos.com

Lo stop al fracking su terre federali vale il 25% delle emissioni USA

(Rinnovabili.it) – La prima tegola sulla politica climatica di Joe Biden arriva dalla Louisiana e ha la forma di una sentenza di tribunale. Un giudice federale ha cancellato il bando del fracking e di tutti i permessi di sfruttamento di petrolio e gas sui terreni federali. Il neopresidente aveva fatto di questa misura una bandiera della sua campagna elettorale e aveva firmato un ordine esecutivo nel giorno del suo insediamento.

La sentenza è firmata dal giudice distrettuale degli Stati Uniti Terry Doughty e arriva da una causa intentata lo scorso marzo dal procuratore generale della Louisiana, Jeff Landry, in quota partito repubblicano. Insieme a Landry anche altri 12 Stati chiedevano di cancellare lo stop provvisorio e dare di nuovo via libera alle concessioni per sfruttare idrocarburi da fracking e da tecniche convenzionali.

Leggi anche Fracking: l’industria dello shale sfida Biden

Il giudice ha stralciato il bando perché ha riscontrato “l’omissione di qualsiasi spiegazione razionale nell’annullamento delle vendite del contratto di locazione [i lease, ndr] e nell’attuazione dello stop” a fracking e altre forme di estrazione di petrolio e gas. La sentenza cita espressamente soltanto le licenze che erano in via di rilascio relative all’Alaska e al Golfo del Messico (per trivellazioni offshore, ma con parte degli impianti da costruire onshore). Per i funzionari repubblicani, però, il parere del giudice si deve applicare a tutto il territorio nazionale.

Nell’intenzione di Biden, la moratoria serve per dare tempo al dipartimento dell’Interno di ultimare la revisione di tutte le licenze in ballo e del loro impatto. I funzionari dell’Interno, infatti, sono intenti a verificare se il programma di leasing avvantaggia ingiustamente le aziende a spese dei contribuenti, nonché l’impatto sul cambiamento climatico.

Leggi anche Il pacchetto sul clima di Biden: arriva la moratoria sulle trivelle

L’agenda climatica di Biden ne potrebbe risentire non poco. Infatti, sulle terre federali insiste circa il 10% della produzione di idrocarburi del paese. Ma questa fetta è responsabile per circa il 25% delle emissioni di gas serra degli Stati Uniti.

Articolo precedenteI lobbisti dell’agribusiness allungano le mani sulla politica agricola comune
Articolo successivoUna mini turbina eolica portatile da mettere nello zaino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui