Mercato elettrico: Terzo record storico per il Prezzo Unico Nazionale

Il prezzo medio di acquisto sulla borsa elettrica ha toccato i 176,64 euro il MWh nella seconda metà di settembre

Prezzo Unico Nazionale
Via depositphotos.com

Il Gestore del mercato elettrico conferma il trend rialzista del Prezzo Unico Nazionale

(Rinnovabili.it) – La dinamica rialzista del PUN, il Prezzo Unico Nazionale, prosegue senza incertezze. Accennando persino a piccole rincorse. Lo riferisce il Gestore del Mercato elettrico (GME) nella sua ultima newsletter, annunciando per l’Italia il terzo record storico consecutivo. A settembre 2021, infatti, il prezzo di riferimento all’ingrosso dell’energia elettrica acquistata sulla Borsa Elettrica Italiana (IPEX – Italian Power Exchange) ha raggiunto i 158,59 euro il MWh. Si tratta di un aumento del 41,1 per cento su agosto e del ben 225 per cento sul dato 2020.

Leggi anche Caro bollette, Cingolani: agire anche su cause, non solo su effetti

Un trend in linea con quello registrato nelle principali borse elettriche europee e che deve la sua origine soprattutto agli elevati costi di generazione. Scrive GME “La crescita del prezzo, in progressiva intensificazione nel corso del mese […] riflette un’analoga escalation del prezzo del gas al Punto di scambio virtuale (PSV), salito a 63,26 euro il MWh (+20,72 €/MWh sul mese e +51,59 €/MWh sull’anno). E della CO2 che si porta a 61,02 euro a tonnellata (+4,49 €/ton e +33,21 €/ton)”. Un’escalation che ha portato il PUN, nella seconda metà del mese, addirittura ai 176,64 €/MWh.

Ma il rialzo del Prezzo Unico Nazionale è ovviamente legato anche ai maggiori consumi (33,8 GWh medi), oggi in continua e forte ripresa, accompagnati da bassi livelli di offerta nazionale. Non aiutano neppure le fonti rinnovabili i cui volumi, soprattutto quelli dell’idroelettrico, sono al minimo da inizio anno. A segnare nuovi record sono anche tutti i prezzi di vendita, compresi tra i 153,28 euro il MWh della Sardegna e i 160,07 euro il MWh della Sicilia.

“Ai massimi storici – aggiunge  il Gestore – anche le quotazioni estere (Spagna a 156 €/MWh, Austria, Germania, Francia, Svizzera e Grecia a 128/139 €/MWh), da cui l’Italia tende ad ampliare il suo differenziale soprattutto nella seconda parte del mese, quando più forte risulta la crescita del gas, combustibile di riferimento del parco di generazione italiano”.

Leggi anche Aumenti energia: +29,8% per elettricità, +14,4% per gas

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui