Lo “schema Sudafrica” anche per l’Indonesia: 20 mld $ per la transizione giusta

Il carbone pesa per l’86% del mix elettrico dell’Indonesia, che ha una lunga pipeline di nuove centrali in cantiere ed è il maggior esportatore mondiale di carbone termico. Per accelerare la decarbonizzazione e invertire la rotta, una pattuglia di paesi a economia avanzata, guidati da Washington e Tokyo, mette sul piatto da 15 a 20 miliardi

Photo by Adriano Ruiz on Unsplash

L’accordo per la transizione giusta sarà presentato all’Indonesia al G20 della prossima settimana

(Rinnovabili.it) – Da 15 a 20 miliardi di dollari. È il prezzo che potrebbe valere la transizione giusta dell’Indonesia. Almeno secondo Stati Uniti, Giappone e una manciata di altri paesi. Che la prossima settimana, al G20, presenteranno l’offerta al presidente Joko Widodo. Soldi in cambio di un abbandono accelerato del carbone. È il “modello Sudafrica” che ritorna dopo un anno.

Alla COP26 di Glasgow, 12 mesi fa, Washington e alcuni altri partner proposero al Sudafrica 8,5 mld $ per abbattere la quota di carbone dal mix energetico nazionale (oggi all’86%). Una mossa che rispondeva alla più grande delle recriminazioni dei paesi in via di sviluppo: la transizione costa, senza supporto finanziario non faremo abbastanza in fretta. E impostava, informalmente, un possibile schema da replicare con altri grandi inquinatori tra le economie emergenti. Come, appunto, l’Indonesia.

Leggi anche Accordo da 8,5 miliardi: UE, USA e UK pagano la just transition del Sudafrica

Che cosa prevede la proposta che sarà presentata a breve a Jakarta? Secondo lo scoop di Bloomberg, l’accordo consentirebbe all’Indonesia di accelerare gli sforzi per evitare che vada online la capacità di generazione da combustibili fossili considerata “in eccesso”, e di limitare la sua pipeline di progetti a carbone. In tutto, dopo la sfoltita, potrebbero rimanere circa 10 nuovi GW di centrali. Fattori, questi due, che attualmente ostacolano lo sviluppo delle energie rinnovabili.

La cifra offerta è un’inezia rispetto al denaro che servirebbe per completare la transizione giusta del paese – servirebbero centinaia di miliardi di dollari, secondo alcune stime anche 600. Ma è un punto di partenza per iniziare un percorso senza perdere tempo. Oggi il carbone pesa per il 61% del mix elettrico del paese, che è anche il massimo esportatore mondiale di carbone termico.

Leggi anche Centrali a carbone, nel 2021 la corsa rallenta. Ma non abbastanza

Funzionerà? Il precedente col Sudafrica non aiuta, almeno per ora. Solo da poche settimane è stato siglato l’accordo definitivo per i finanziamenti: il modello Sudafrica, di fatto, deve ancora essere testato sul campo. Una differenza però c’è: rispetto a questo accordo, quello con l’Indonesia nasce da una fase di negoziazione molto lunga e potrebbe quindi portare a risultati più in fretta.

Articolo precedenteResilienza urbana: la guida del WorldGBC per creare città, comunità ed edifici a prova di futuro
Articolo successivoAccumulo di energia termica, quanto può contribuire alle zero emissioni?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui