RECS: il sistema italiano connesso con la piattaforma internazionale

Il sistema di gestione dei certificati consente, attraverso la connessione alla piattaforma di scambio internazionale lo scambio in importazione ed esportazione delle Garanzie di Origine con Paesi terzi

RECS: il sistema italiano connesso con la piattaforma internazionale

 

(Rinnovabili.it) – La certificazione italiana RECS – attestazione per la produzione di elettricità da FER rilasciata come attributo alla Garanzia d’Origine (GO) – apre le porte all’internazionalizzazione. IL GSE fa sapere infatti che a partire da ora il sistema di gestione dei certificati di GO–RECS consentirà importazione ed esportazione delle Garanzie con Paesi terzi. A renderlo possibile sarà la connessione alla piattaforma di scambio internazionale (HUB) gestita dall’Association of Issuing Bodies (AIB) e di cui il Gestore è membro. “La connessione all’HUB  – spiega il GSE in una nota stampa – consente di scambiare tutte le tipologie di certificati EECS – European Energy Certificate System – emessi dai soggetti competenti nei rispettivi Paesi di riferimento aderenti all’AIB”.

 

Per le GO estere importate in Italia il Gestore sottolinea inoltre che per l’utilizzazione delle Garanzie  è assolutamente necessario che esse vengano emesse dai soggetti designati (riportati nel sito del GSE). “Per l’esecuzione – si legge nel comunicato stampa – delle attività connesse allo scambio di certificati a livello internazionale gli operatori sono tenuti al pagamento al GSE di 0,005 €/MWh per ogni certificato importato o esportato. Il trasferimento in ambito nazionale dei certificati di Garanzia di Origine estera avviene secondo le stesse modalità previste per le GO emesse in Italia, ovvero, mediante la Piattaforma P-GO del GME, che si compone del mercato organizzato (M-GO) e della piattaforma per la registrazione delle transazioni concluse bilateralmente (PB-GO)”.