Accumulo termico residenziale per edifici smart, ci pensa THUMBS UP

Il nuovo progetto europeo svilupperà tecnologie di accumulo termico a livello residenziale da integrare in sistemi di gestione energetica dell’edificio. Coinvolti 18 partner tra cui algoWatt

Accumulo termico residenziale
via depositphotos.com

Materiali a cambiamento di fase, gemelli digitali e BEMS per il nuovo ecosistema dedicato all’accumulo termico residenziale

(Rinnovabili.it) – Sfruttare il paradigma Power-to-Heat (letteralmente “da elettricità a calore”) per rendere gli edifici europei fornitori di flessibilità della rete. Questo uno degli ambiziosi obiettivi di THUMBS UP, nuovo progetto di ricerca finanziato dal programma Horizon Europe. L’iniziativa è partita in questi giorni e nei prossimi 48 mesi metterà alla prova l’esperienza e il know how del proprio consorzio per realizzare e dimostrare nuovi soluzioni di accumulo termico residenziale.

A darne notizia è in questi giorni l’italiana algoWatt che ha preso parte al progetto con il ruolo di “digital energy solution provider e system integrator”. Il suo compito? Sviluppare un sistema di gestione energetica per edifici intelligenti, che dialoghi direttamente con le tecnologie di stoccaggio del calore.

leggi anche Accumulo termico in edilizia. E i muri di casa diventano batterie

Thumbs Up, pollici alzati per gli edifici intelligenti

L’obiettivo finale di THUMBS UP è quello di creare un sorta di ecosistema smart a livello di edificio che aumenti da un lato l’efficienza energetica degli immobili e dall’altro li renda fornitori di servizi. Un approccio già sfruttato in ambito elettrico, ma ancora poco diffuso in quello termico. I 18 partner del progetto tra cui compaiono anche l’Università di Genova, l’Università di Messina e il Politecnico di Torino, lavoreranno assieme per mettere a punto sistemi di accumulo termico residenziale su base giornaliera (sfruttando materiali a cambiamento di fase ecologici) e su base settimanale (attraverso materiali per lo stoccaggio termochimico). Soluzioni all’avanguardia da integrare negli edifici connessi alle reti di teleriscaldamento e non, per i quali il progetto si propone di aumentare le prestazioni, superare i limiti tecnici e ridurre i fattori di intensità di capitali.

Per capitalizzare l’esperienza  già disponibile all’interno del consorzio di THUMBS UP i partner promuoveranno innovazioni digitali complementari, volte a simulare, ottimizzare e massimizzare i benefici delle soluzioni di accumulo termico. Il sistema di gestione energetica (BEMS) in capo ad algoWatt dovrà integrare, controllare e gestire le  soluzioni progettuali a livello di edificio, massimizzando l’utilizzo delle  fonti rinnovabili locali, ottimizzando l’efficienza dei sistemi di riscaldamento e raffrescamento, e coordinando il funzionamento con la domanda di energia. A ciò si aggiungerà lo sviluppo di un gemello digitale (Digital Twin) finalizzato a massimizzare la flessibilità energetica e i vantaggi di spostamento del carico che le soluzioni integrate negli edifici forniscono alla rete elettrica. Coordinando l’accumulo termico con la fornitura di calore da parte delle reti di teleriscaldamento.

leggi anche Batterie di flusso compatte per aumentare la competitività

Articolo precedenteEconomia circolare per le aziende: Circe2020 di Arpa Veneto tra i progetti FARO
Articolo successivoI transistor del futuro potrebbero essere prodotti dalla lignina

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui