Casa off-grid, quella di SOM è fatta con la stampante 3D

    La casa off-grid dello studio SOM scambia energia con l’automobile abbinata ed è il più grande oggetto mai realizzato con la stampante 3d

    Casa off-grid, quella di SOM è fatta con la stampante 3D

     

    (Rinnovabili.it) – Lo studio di architetti Skidmore, Owings & Merrill (SOM), ci stupisce ancora con i suoi progetti sostenibili  ad altissima efficienza. Questa volta si tratta di una casa off-grid che rappresenta il più grande oggetto al mondo ottenuto con la stampa 3D. L’abitazione, presentata la scorsa settimana all’International Builders’ Show di Las Vegas, è stata realizzata in collaborazione con il  US Department of Energy’s Oak Ridge National Laboratory, che ha studiato il sistema di batterie a ciclo chiuso per garantirne la completa autonomia dalla rete.

    La particolarità della casa completamente autosufficiente è la simbiosi con un veicolo Oak Ridge, con il quale scambia energia in modalità wireless. L’iter progettuale applicato per la casa off-grid e la vettura è stato chiamato AMIE – Additive Manufacturing Integrated Energy -.

     

    Le caratteristiche della casa off-grid di SOM

    Casa off-grid, quella di SOM è fatta con la stampante 3DLe pareti della casa trasportabile, in un solo strato funzionale assolvono alle funzioni statiche e strutturali, di isolamento e di protezione dall’umidità. In questo modo non c’è nessuno spreco di materiale, nessun rifiuto di cantiere e la manodopera è ridotta al minimo. I pannelli fotovoltaici integrati nella copertura producono l’energia pulita di cui si servono gli abitanti e l’automobile, che a sua volta recupera l’energia della frenata.

    La casa off-grid di 11,6 metri di lunghezza, 3,7 di altezza e 3,7 di larghezza ha una superficie per l’80% opaca e per il 20% vetrata, con le aperture studiate per massimizzare il guadagno solare invernale e l’ingresso della luce naturale mentre si evita il surriscaldamento estivo.

    Il progetto dello studio americano, al quale hanno collaborato diverse aziende e l’Università del Tennessee, vuole diventare un modello di sviluppo sostenibile, per una vita in cui gli sprechi sono ridotti al minimo e l’energia proviene completamente da fonti rinnovabili.

     

    Casa off-grid, quella di SOM è fatta con la stampante 3D

    Articolo precedenteL’acqua dell’oceano si scalda due volte più in fretta del previsto
    Articolo successivoSmart windows, un polimero sperimentale le rende più economiche

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui