Completato in Quebec uno dei più alti giardini pensili del mondo

    Parte della riqualificazione degli uffici Desjardins è il Currents,m uno dei più alti giardini pensili del mondo, con oltre 11.000 piante di 42 specie

    3 Completato in Quebec uno dei più alti giardini pensili del mondo(Rinnovabili.it) – E’ stato completato da pochi giorni uno dei più alti giardini pensili da interno del mondo, il “Currents”. Progettato come parte integrante degli interventi di riqualificazione degli uffici Desjardins di Lévis, in Quebec, il Living Wall raggiunge addirittura i 65 metri di altezza, coprendo una superficie di 198 mq.

     

    Gli autori del progetto sono i paesaggisti designer della Green Over Grey esperti nella realizzazione di giardini pensili di alta qualità sia per interni che per esterni, fautori dei Living Wall per la Semiahmoo Public Library e della Royal Canadian Mounted Police Facility in British Columbia.

    La scelta di installare un giardino pensile nel luminoso ed ampio atrio degli uffici Desjardins, è servita a migliorare l’efficienza energetica dell’intera struttura, aiutandola nel raggiungimento della certificazione LEED Gold attesa per settembre di quest’anno.

     

    “Volevamo trovare un modo tangibile per dimostrare il nostro impegno nello sviluppo sostenibile e arricchire l’ambiente di lavoro dei nostri dipendenti”, afferma  Monique F. Leroux, presidente dell’azienda.

     

     

    Il giardino verticale messo in opera dai professionisti di Green Over Grey migliorano notevolmente la qualità dell’aria interna, aumentando le prestazioni lavorative dei dipendenti.  Il verde pensile inoltre contribuisce a migliorare l’isolamento termico ed acustico, alzando indubbiamente il valore della proprietà.

     

    “La struttura del living wall è completamente idroponica ed incorpora una serie di piante ed essenze adatte a prosperare in ambienti verticali già presenti in natura, come sui rami degli alberi e vicino alle cascate”, racconta Patrick Poirau co-fondatore di Green over Grey.

     

    La stessa struttura idroponica è ecofriendly, realizzata utilizzando materiali sintetici di riciclo, sfruttando circa 1,5 tonnellate di bottiglie d’acqua riciclate e sacchetti di plastica per comporre i pannelli retrostanti.

    Progettato in cinque mesi di lavoro, il living wall di Lévis incorpora 42 differenti specie vegetali tra cui filodendri, Monsteras, fichi, zenzero, felci Elkhorn, scheffleras, clusias e addirittura banani. In totale sono ben 11.000 le piante impiegate nel design e disposte in base al colore, alla struttura, al modello ed alle dimensioni dimensione.

     

    Articolo precedenteDomenica a due ruote: torna la Giornata Nazionale della Bicicletta
    Articolo successivo“Green Health – fai la differenza”: zero sprechi anche per i farmaci