Efficienza energetica edifici: la strategia per raggiungere gli obiettivi UE

    Raggiungere entro il 2020 la massima efficienza energetica del patrimonio edilizio: l’obiettivo del progetto UE MARIE formato da 23 partener internazionali

    Efficienza energetica degli edificio la strategia per il 2020(Rinnovabili.it) – Per raggiungere per tempo gli obiettivi di efficienza energetica prefissati da Europe 2020, è stato sviluppato il progetto europeo MARIE –   Mediterranean Building Rethinking for Energy Efficiency Improvement – cofinanziato dal programma MED e composto  da 23 partner internazionali che collaboreranno per raggiungere un unico obiettivo: individuare una strategia di efficientamento energetico applicabile all’edilizia pubblica e privata.

     

    “Il consumo di energia negli edifici dell’Europa Mediterranea, la cosiddetta area MED, è superiore alla media dell’UE. Raggiungere entro il 2020 gli obiettivi di efficienza energetica stabiliti dalle politiche europee rappresenta per questi Paesi una sfida notevole che necessita di un’azione istituzionale coordinata e strategica”.

    E’ questa la sfida a cui dovranno rispondere i protagonisti coinvolti provenienti rispettivamente da 9 diversi Paesi, tra cui 5 italiano: AREA Science Park, la Regione Piemonte, la Regione Liguria, la Regione Umbria e la Regione Basilicata.

    Nel progetto saranno coinvolti oltre 10 milioni di edifici e più di 30 milioni di abitazioni, un patrimonio quasi sempre vetusto ed inefficiente dal punto di vista energetico.

     

    In Friuli Venezia Giulia, in particolare, AREA ha messo in piedi – in collaborazione con la Regione – dei tavoli di lavoro (GIR) a cui partecipano professionisti e rappresentanti di enti locali, enti scientifici, banche, associazioni e ordini professionali per definire linee guida a supporto di politiche e normative dell’Amministrazione Regionale nel campo dell’efficienza energetica.

    Uno degli strumenti individuati e di maggiore utilità per dare impulso agli interventi è quello delle E.S.Co. (Energy Service Company), che permettono ai committenti pubblici e privati, di diagnosticare e di individuare la relativa soluzione per migliorare l’efficienza energetica, a costo zero.

    Questo particolare strumento, che potrebbe essere un volàno per un la riqualificazione del patrimonio su vasta scala, è stato al centro della giornata di informazione e formazione,  che si è svolta oggi in AREA Science Park.

    In occasione dell’evento è stato inoltre possibile condividere esperienza di interventi già realizzati con successo a livello europeo. In Slovenia, ad esempio, nei Comuni di Brda e di Miren – Kostanjevica, attraverso il meccanismo delle E.S.Co., sono state ammodernate illuminazioni stradali ed è stato attivato un sistema di teleriscaldamento a biomasse. Inoltre è in fase di realizzazione un progetto pilota per la ristrutturazione energetica del palazzo comunale di Brda. In Catalogna, invece, per il periodo 2014-2020 è in programma un rinnovamento energetico che coinvolgerà circa un milione e mezzo di edifici della regione.