MVRDV e i grattacieli verdi di Amsterdam

    Lo studio MVRDV costruirà nella Ravel Plaza di Amsterdam tre grattacieli verdi collegati alla base che porteranno una foresta verticale nel centro cittadino

    MVRDV e i grattacieli verdi di Amsterdam

    (Rinnovabili.it) – Abbiamo visto qualcosa di simile? Forse si. Gli habitat di Moshe Safdie stanno per compiere 40 anni mentre innovativi grattacieli verdi stanno spuntando in tutto il mondo per portare aria pulita, vegetazione e biodiversità nei centri cittadini.

    Anche se probabilmente non c’è nulla di nuovo, il gusto degli MVRDV è inconfondibile e ogni volta sbalordisce la giuria e si aggiudica premi e vittorie ai concorsi. L’ultimo arrivato tra i progetti sostenibili del gruppo di architetti olandesi è il complesso di tre grattacieli verdi per la Ravel Plaza, nel cuore del quartiere finanziario di Amsterdam.

     

    “Abbiamo combinato la bellezza di vivere in uno spazio verde, la posizione centrale e l’emozione dell’ambiente urbano in questo luogo unico”, ha dichiarato Winy Maas, co-fondatore dello studio di Rotterdam.

     

    Le caratteristiche dei grattacieli verdi di MVRDV

    Le torri a destinazione d’uso mista – commerciale, residenziale e lavorativa – sembrano composte da strati sfalsati che lasciano spazio a terrazze, alberi e grandi vetrate. I tre grattacieli di altezze differenti hanno una base comune – per la maggior parte aperta al pubblico – che li collega, creando una serie di percorsi che trasforma i primi piani in una piazza rialzata in cui passeggiare ed incontrare amici e colleghi.

     

    “La proposta di OVG, progettata da MVRDV, ha un aspetto architettonico audace e distintivo e segna una svolta cruciale nello sviluppo del quartiere Zuidas che si sta trasformando in una zona residenziale mista” ha spiegato Klaas de Boer, direttore del Zuidas Amsterdam City Council.

     

    Che siano di legno, ricoperti di piante, rivestiti di materiali fotocatalitici, che abbiamo pale eoliche sul tetto o fotovoltaico integrato nelle vetrate i grattacieli del futuro daranno sostenibili, per coniugare il bisogno di alta densità edilizia delle grandi città con la necessità – ormai un obbligo – di ridurre le emissioni, abbassare la concentrazione di inquinanti nell’aria, riportare la vegetazione nei centri urbani e costruire in modo sempre più efficiente.

     

    Gli habitat di Moshe Safdie
    Gli habitat di Moshe Safdie
    Articolo precedenteScioglimento dei ghiacci: l’Antartide può collassare entro fine secolo
    Articolo successivoGli investitori all’automotive: perché fate lobby sulle emissioni?

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui