Banche: siamo ancora lontani dagli obiettivi di una finanza sostenibile

Nonostante gli impegni climatici, il mondo delle finanze ha sostenuto grandi compagnie petrolifere e del gas con prestiti per quasi 1,4 miliardi di miliardi di dollari.

Bloomberg mette in luce le connessioni tra banche e industria fossile, a danno della finanza sostenibile

(Rinnovabili.it) – Secondo un’analisi di Bloomberg, 20 tra le maggiori banche statunitensi ed europee hanno erogato miliardi di prestiti a imprese sostenibili e hanno preso alcune misure per limitare i finanziamenti ai combustibili fossili. Tuttavia, la finanza sostenibile non ha ancora raggiunto la quota di maggioranza nei consigli di amministrazione dei più grandi istituti finanziari mondiali.

Sebbene molte banche abbiano annunciato pubblicamente importanti impegni sul clima, continuano ad essere anche “i finanziatori più attivi” per i progetti di energia non rinnovabile. Piuttosto, il mondo delle finanze ha sostenuto grandi compagnie petrolifere e del gas con prestiti per quasi 1,4 miliardi di miliardi di dollari da quando l’accordo di Parigi è stato negoziato, alla fine del 2015.

Leggi anche Finanza sostenibile: ma da che parte stanno le banche?

Il rapporto di Bloomberg sulla finanza sostenibile, pubblicato la scorsa settimana, si è concentrato soprattutto sulla leadership di queste banche, analizzando le affiliazioni degli oltre 600 dirigenti e membri dei consigli di amministrazione. È emerso che almeno 73 di essi avevano ricoperto posizioni in grandi aziende di produzione di energia non rinnovabile, tra cui società di combustibili fossili, produttori, servizi pubblici e rivenditori con ingenti impronte di carbonio. Al contrario, Bloomberg ha trovato solo quattro connessioni tra la leadership delle banche e le società di energia verde.

Tra le banche con importanti connessioni con l’industria fossile c’è JPMorgan Chase & Co., il cui consiglio di amministrazione ha visto la presenza l’ex CEO di ExxonMobil, Lee Raymond, per più di 30 anni. Secondo quanto riferito da Bloomberg, negli ultimi cinque anni, JPMorgan ha raccolto 228 miliardi di dollari in obbligazioni e prestiti per l’industria dei combustibili fossili. Ma il finanziatore con il maggior numero di legami con aziende fossile è la banca olandese ING Groep NV, in cui il 40% del gruppo dirigente ha lavorato per grandi società come la Royal Dutch Shell.

Leggi anche Investimenti verdi: tra incertezze e opportunità

Uno dei più chiari successi del movimento per enfatizzare i criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) nell’ambito della finanza è stato quello di rendere difficile per gli istituti finanziari ignorare l’importanza della diversità ai massimi livelli di gestione. Questo riconoscimento si basa sull’idea secondo cui avere diversi punti di vista nel processo decisionale aziendale (come quello delle donne o delle persone di colore) sia importante e utile.

Eppure, sebbene l’ambiente sia un obiettivo fondamentale dell’ESG, mancano quasi del tutto dirigenti con un background in settori rispettosi del clima, in grado di promuovere gli interessi di una finanza sostenibile. “I consigli di amministrazione non devono necessariamente avere un esperto tecnico di clima, ma devono avere una maggiore comprensione di come il clima influisce sulle loro attività, afferma Mark McKenzie, a capo del centro globale della società di contabilità KPMG International Group su clima e sostenibilità. “Avere qualcuno con esperienza ecologica ai massimi livelli fa un’enorme differenza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui