New European Bauhaus: ora servono criteri unitari e un finanziamento dedicato

Gli eurodeputati chiedono un finanziamento esclusivo da 500 mln per il New European Bauhaus. Serve poi meno elitarietà nella scelta dei progetti e maggiore attenzione al cambiamento climatico.

new-european-bauhaus
credit: European Parliament

Il New European Bauhaus venne lanciato nel 2020 dalla Presidente Von der Leyen

(Rinnovabili.it) – Città sostenibili, intelligenti, efficienti e belle. Questo è l’obiettivo del New European Bauhaus che dopo il voto in Parlamento Europeo di ieri, acquista sempre più forza e valore.

L’iniziativa interdisciplinare del NEB venne lanciata dalla Presidente della Commissione Ursula von der Leyen, nel 2020, con l’obiettivo di collegare il Green Deal europeo ai modi di vivere delle persone in Europa, unendo architettura, innovazione, scienza e design.

Chiesto un piano di finanziamento dedicato

Dopo due anni di grande successo del progetto, ora gli eurodeputati chiedono una maggior trasparenza dei finanziamenti destinati al NEB. Circa 500 milioni di euro di “denaro fresco” potrebbero essere stanziati attraverso il programma UE Horizon. I fondi dovrebbero essere inclusi durante la revisione 2023 del bilancio dell’Unione. Mentre una volta concludo l’attuale quadro finanziario, ovvero dopo il 2027, il passaggio doveroso chiesto alla Commissione, sarà la creazione di un sistema di finanziamento ad hoc per il New European Bauhaus, senza sottrarre nulla agli altri programmi già attivi.

Le richieste sono state presentate e votate ieri dal Parlamento Europeo ottenendo la maggioranza.

Accanto ai finanziamenti, il movimento del Nuovo Bauhaus Europeo dovrebbe poi allinearsi definitivamente con le politiche chiave del Green Deal, creando nuovi posti di lavoro, migliorandone l’accessibilità e l’inclusione.

Leggi anche New European Bauhaus Prize 2022: i vincitori in sostenibilità, bellezza e inclusione

Raggiungere l’obiettivo con criteri condivisi

Un altro punto sottolineato dagli eurodeputati è la forse eccessiva elitarietà dei progetti che fanno parte del New European Bauhaus. E’ necessario “elaborare criteri chiari sulla selezione e il finanziamento dei progetti”, ha sottolineato il correlatore Christian Ehler (PPE, DE) in un dibattito in plenaria prima della votazione. Il progetto del NEB deve concentrarsi prima di tutto sulle persone, migliorando la qualità della vita, creando spazi sani e convenienti, ma attraverso un progetto chiaro e condivisibile. “Da un punto di vista democratico, è etico investire ingenti somme di denaro pubblico per migliorare l’efficienza energetica dei nostri edifici, senza migliorare le condizioni delle persone che li abitano?” ha chiesto il correlatore Marcos Ros Sempere (S&D, ES).

In ultimo, nel New European Bauhaus, non dovrebbe essere tralasciato il problema del cambiamento climatico e dei disastri naturali, anzi, questi due punti chiavi sulla sicurezza dovranno essere inseriti tra gli obiettivi del progetto.

Articolo precedenteCalotta dell’Antartide: le aree a rischio fusione sono grandi 5 volte l’Italia
Articolo successivoTassonomia verde, 5 ong: “Interferenze politiche da Bruxelles”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui