Rinnovabili e I.A. per il quartiere intelligente Karlsruhe-Durlach

Aziende università tedesche collaborano in questo progetto di rinnovamento energetico. Obiettivo: trasformare 5 condomini in modello low carbon

quartiere intelligente Karlsruhe-Durlach
© Google Earth, Dati mappa: Google, GeoBasis-DE / BKG

(Rinnovabili.it) – Sono iniziati i lavori di costruzione per l’implementazione del quartiere intelligente Karlsruhe-Durlach, in Germania. Il progetto mira a trasformare cinque edifici plurifamiliari del distretto Durlach in un nuovo modello di comunità energetica ad alta efficienza. Per ottenere ciò, l’attuale fornitura energetica sarà sostituita da un nuovo complesso di impianti in situ: si va da moduli fotovoltaici e dai pannelli solari termici sul tetto, a pompe di calore e sistemi di cogenerazione. A completare il quadro, un programma per la gestione energetica basato su i software di intelligenza artificiale.

L’iniziativa porta la firma di due celebri centri di ricerca tedeschi, l’Istituto Fraunhofer per i sistemi di energia solare (ISE) e dall’Istituto per i sistemi tecnici sostenibili dell’Università di Friburgo. I ricercatori assieme agli esperti della società energetica KES e dell’utility regionale Stadtwerke Karlsruhe hanno progettato un nuovo modello di quartiere intelligente in grado di dimezzare il consumo di energia primaria e le emissioni di CO₂.

Leggi anche Come gestire le comunità energetiche? Ci pensa eNeuron

Non si tratta di un esercizio di stile. L’implementazione avverrà su 5 edifici esistenti costruiti nel 1960 e parzialmente rimodernati nel 1995. Si tratta in tutto di circa 170 appartamenti con un fabbisogno elettrico annuale di 350 MWh e un termico di 1200 MWh.

Tutti i nuovi impianti saranno collegati in rete in modo tale che le pompe di calore possano essere alimentate dall’energia fotovoltaica e dal sistema cogenerativo minimizzando il prelievo di elettricità dalla rete. Questa priorità d’alimentazione è ottenuta grazie al sistema di gestione intelligente dell’energia, che controlla gli impianti. Per ottimizzare le operazioni, sono stati sviluppati e testati nuovi algoritmi di rilevamento degli errori, basati su processi di intelligenza artificiale.

L’inaugurazione del quartiere intelligente è prevista entro la metà del 2020 ma, una volta tagliato il nastro, il progetto dovrà monitorare dettagliatamente le prestazioni energetiche e ambientali. Una volta superati test di operatività, il concept energetico potrà essere trasferito ad altri quartieri con edifici plurifamiliari già esistenti. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui