Klimahouse Future Hub, premiato per il dispositivo che rileva la qualità dell’aria nelle aule scolastiche

La startup italiana si è meritata il primo premio grazie alla sua “Fybra”: un sensore che monitora l’aria indoor, studiato appositamente per scuole e istituti di istruzione

qualità dell'aria

Un dispositivo intelligente, capace di rilevare la qualità dell’aria nelle aule scolastiche e segnalare quando è il caso di aprire la finestra

(Rinnovabili.it) – Si è svolta nella serata di venerdì 24 gennaio presso il NOI Techpark, la finalissima della quinta edizione del Klimahouse Future Hub Award 2020, gara riservata alle nuove startup del greentech. Il primo premio è stato assegnato alla riminese FBP – Future is a Better Place ideatrice di una speciale soluzione per il benessere indoor: un segnalatore della qualità dell’aria nelle aule scolastiche, considerato dalla giuria il miglior prodotto nel settore dell’efficienza energetica e risanamento in edilizia. 

La quinta edizione dell’Award, diventato ormai riferimento internazionale per chi innova l’ecosistema green, ha visto competere startup di alto livello tecnologico – spiega Thomas Mur, Direttore di Fiera Bolzano –. Idee che hanno confermato, ancora una volta, la vivacità creativa che innerva il mondo dell’efficienza energetica. Un ottimo segnale, con gli innovatori che trovano nel Future Hub di Klimahouse terreno fertile per networking e scambio di idee utili per creare nuove opportunità di sviluppo. FBP, il progetto vincitore del Future Hub Award, risponde perfettamente alla nuova mission che ci siamo dati: fare di Klimahouse il luogo dove il “Costruire bene” ha come diretta conseguenza il “Vivere bene””.

 

Battezzato “Fybra”, il sensore è in grado di rilevare la qualità dell’aria all’interno delle classi scolastiche, avvertendo con un apposito segnale il superamento di una certa soglia e “consigliando” quindi di aprire le finestre. Un metodo utile per combattere i cali di concentrazione negli alunni e per sensibilizzarli alla cultura della sostenibilità.

 

Leggi anche: “La CO2 diminuisce le capacità cognitive e di apprendimento degli studenti”

 

Oltre al Klimahouse Future Hub Award, il dispositivo è valso alla sturtup anche il premio speciale dell’Agenzia CasaClima per la sua capacità di combinare il mondo tradizionale delle ESCO (Energy Service Company) con quello del real estate. “Abbiamo voluto assegnare a FBP il nostro premio perché la loro idea è altamente innovativa e si sposa al meglio con la nostra vision”, ha spiegato Ulrich Santa, direttore dell’Agenzia CasaClima. “Hanno creato un prodotto efficace che aiuta a migliorare uno di quei parametri, la qualità dell’aria, fondamentali per poter rendere un edificio o una stanza sostenibile”. 

Accanto a FBP – Future is a Better Place è stata premiata anche l’austriaca Meo Energy, vincitrice del premio Audience Award assegnatogli dal pubblico per il sistema innovativo che gestisce automaticamente i flussi di energia provenienti dalle abitazioni grazie a sistemi hardware e software.

Le altre startup che hanno partecipato al Future Hub di Klimahouse 2020 sono state Accademia della Bioarchitettura, Eneren, Glass to Power, Graffiti for Smart City, Bio Building Block, Paleadomus, Radicsol, Rentmas e Wood Control.
La giuria del Klimahouse Future Hub Award era composta da: Luca Barbieri, Blum; Donatella Bollani, giornalista; Stefano Bottelli, Aquarium Ventures; Hubert Hofer, direttore servizi NOI Techpark; Sofia Khadiri, LDV20; Thomas Mur, direttore di Fiera Bolzano; Eva Ogriseg, Tyrolean Business Angels; Stefan Peitner, What a Venture; Stefan Rubner, vicepresidente gruppo Rubner; Ulrich Santa, direttore Agenzia CasaClima; Wolfram Sparber, Eurac Research.

>>leggi anche Klimahouse 2020 premia tre eccellenze dell’innovazione edilizia sostenibile<<

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui