Una “Vertical Pharmacy” dove coltivare medicinali e integratori

ENEA e Idromeccanica Lucchini sperimentano la Vertical Pharmacy per coltivare erbe officinali ad alto contenuto di principi attivi per la produzione di farmaci e integratori

 di Isabella Ceccarini

(Rinnovabili.it) – Il futuro è qui. Tra le innovazioni proposte nel settore agroalimentare abbiamo parlato delle fattorie verticali dove vengono coltivati prodotti ortofrutticoli. Dalla collaborazione tra ENEA e Idromeccanica Lucchini – un’azienda specializzata nella produzione di serre, sistemi di irrigazione, di aerazione e illuminazione a led – è nata la sperimentazione per realizzare una Vertical Pharmacy per coltivare erbe officinali ad alto contenuto di principi attivi per la produzione di farmaci e integratori.

Nella Vertical Pharmacy la coltivazione avviene su più piani. Grazie ai sistemi di coltivazione idroponici (coltivazione fuori suolo) o aeroponici (un sistema simile all’idroponico ma irrigato tramite nebulizzazione di acqua) si arriva a risparmiare fino al 95% di acqua rispetto alle tecniche di coltivazione tradizionali. Il controllo della soluzione nutritiva, dell’umidità, della temperatura e del flusso luminoso garantisce la crescita di piante sane e resistenti e un microclima che impedisce lo sviluppo di patologie fungine. Inoltre il suolo non viene sfruttato e soprattutto non vengono impiegati né pesticidi né insetticidi.

Leggi anche Europarlamento: serve una strategia contro l’inquinamento da farmaci

Come spiega Gabriella Funaro, ricercatrice ENEA della Direzione Innovazione e Sviluppo, «i sistemi altamente tecnologici e automatizzati che sfruttano l’illuminazione a led per coltivazioni fuori suolo sono in grado di ricreare le condizioni ambientali perfette per ottimizzare la crescita delle piante, massimizzare i loro nutrienti e aumentarne la produzione, grazie alla coltivazione su più cicli annuali rispetto al singolo ciclo a terra». Tra le piante più indicate, lo zafferano (per produrre integratori alimentari a supporto della cura di patologie depressive e oculari) e il ginseng siberiano (una specie estremamente ricca di principi energizzanti e stimolanti utilizzati in campo nutraceutico).

Dalla tecnologia per la coltivazione a un sistema integrato

In Italia è in costante crescita il numero di consumatori che si rivolgono alle cure naturali e la produzione di erbe officinali non riesce a soddisfare le loro richieste. Molti principi attivi di origine vegetale provengono pertanto dai mercati esteri, dove la filiera non sempre è controllata come quella italiana o europea. Quindi la produzione nazionale di erbe officinali coltivate nelle Vertical Pharmacy troverebbe un sicuro sbocco commerciale

Leggi anche Arriva la foglia artificiale che produce farmaci usando la luce solare

Idromeccanica Lucchini investe dal 2014 sulla Vertical Farm per migliorare le tecnologie di coltivazione. La collaborazione con ENEA è nata con Expo Milano 2015 dove fu presentato il primo prototipo di serra verticale. A questo è seguito il progetto BoxXLand (un sistema modulare per la coltivazione di prodotti orticoli in tutti gli ambienti e in ogni clima) e nel 2020 sono state terminate le sperimentazioni preliminari sulle specie officinali a utilizzo farmaceutico. Come spiega Massimo Lucchini, amministratore delegato di Idromeccanica Lucchini, «da qui nasce Cultipharm, un modello di business che porta la nostra azienda a non vendere più solo tecnologia per la coltivazione verticale ma un intero sistema integrato. In Idromeccanica Lucchini quello che per gli altri sarà il futuro per noi è già il presente». 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui