LINK sbarca a Torino con 500 monopattini nuovi

Dal MIT di Boston, il ritorno alla città del suo ideatore, l’Archistar Carlo Ratti

link

LINK sbarca a Torino con 500 monopattini nuovi. Dopo Roma, Palermo, Aprilia, la città della Mole è la quarta in Italia pronta ad accogliere la tech company leader nella micro mobilità elettrica. L’arrivo a Torino ha una valenza tutta speciale per LINK, perché il servizio sarà attivo nella città del suo co-ideatore l’Archistar Carlo Ratti, Advisor e membro del Consiglio di Amministrazione di Superpedestrian, start-up che ha progettato e dato vita al veicolo più tecnologico e sicuro della categoria. 

Leggi anche Bonus mobilità, oltre 660mila cittadini hanno ricevuto gli incentivi

La flotta, disponibile da oggi in città, vanta caratteristiche tecniche uniche e non poteva essere altrimenti.  Tutti  i  veicoli infatti saranno dotati del nuovo software “Briggs” e di una riconoscibile livrea color giallo intenso, più accattivante e catarifrangente. Grazie al nuovo software, il tempo di reazione del servizio di Geofencing – per un raggio di 40 km² – permetterà di passare da 1 a 0.7 secondi e memorizzare il triplo del numero di zone no-ride. La durata della batteria inoltre aumenta fino a 22 giorni, estendendo l’autonomia del veicolo del 10%. LINK è anche l’unico monopattino elettrico dotato di VIS (Vehicle Intelligent Safety), un sofisticato software di sicurezza a bordo che combina IA grazie a 73 sensori e 5 microprocessori, eseguendo oltre 1.000 controlli al secondo sullo stato di salute del veicolo durante la corsa, monitorando e mettendo a punto le prestazioni in tempo reale.

“Quando, insieme ad Assaf Biderman, abbiamo lanciato Superpedestrian come prima start-up del nostro laboratorio presso il MIT a Boston, ci siamo chiesti in che modo le nuove tecnologie, i sensori e l’intelligenza artificiale potessero cambiare la mobilità urbana. Ha dichiarato l’architetto e ingegnere Carlo Ratti. “LINK è la risposta a quella domanda: il suo innovativo Vehicle Intelligence System, che usa centinaia di dati raccolti in tempo reale per garantire la sicurezza degli utenti e migliorare la gestione della flotta, sta rivoluzionando il mondo della micro-mobilità. Sono molto contento del fatto che LINK sbarchi a Torino – mia città d’origine e una delle sedi principali del gruppo CRA – Carlo Ratti Associati.”

“Siamo doppiamente orgogliosi di lanciare il servizio a Torino, perché da una parte significa che il progetto di espansione in Italia sta andando avanti con successo considerato che, in meno di un mese, Torino è la terza città che abbiamo raggiunto dopo Palermo e Aprilia, dall’altra c’è un legame a doppio filo che lega LINK a questa città, poiché da qui è partito il suo ideatore, l’architetto Carlo Ratti, per rivoluzionare il mondo della micro mobilità sostenibile grazie a un veicolo che, dal MIT di Boston, sta conquistando fette di mercato sempre più importanti”. Ha dichiarato Maurizio Pompili, LINK Operation Manager Italia.

Leggi anche La micromobilità condivisa potrebbe sostituire il 50% degli spostamenti in auto

“I monopattini che i cittadini avranno a disposizione sono nuovi, originali e con caratteristiche uniche. I nostri veicoli infatti non si usurano col tempo, ma al contrario, grazie all’aggiornamento dei software, diventano più sicuri e resistenti. Per i primi 10 giorni, non sarà previsto alcun costo di sblocco, 5 euro saranno caricati subito sull’account di chi si registra all’interno della zona di noleggio e la corsa costerà 0,25 centesimi al minuto. Successivamente si pagherà 1 euro per lo sblocco, mentre la tariffa della corsa passerà a 0,19 centesimi”.

“Il lavoro intrapreso sulla viabilità cittadina per realizzare percorsi sempre più sicuri per chi nel quotidiano sceglie la mobilità dolce insieme alla decisione di riservare degli stalli dedicati a chi si muove in bicicletta, scooter o monopattino ha fatto crescere l’interesse degli operatori della sharing mobility per la nostra città – commenta l’Assessora alla Mobilità della Città di Torino, Maria Lapietra. “L’arrivo di nuove aziende con altri mezzi, come oggi con Link – prosegue Lapietra – consentirà una copertura ancora maggiore del servizio e offrirà, a chi deve spostarsi in città, nuove opzioni per muoversi in modo sostenibile”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui