La micromobilità condivisa potrebbe sostituire il 50% degli spostamenti in auto

Una ricerca ha valutato il potenziale di bici (elettriche e tradizionali) e monopattini condivisi su percorsi brevi in alcune delle maggiori città degli Stati Uniti, della Germania e del Regno Unito.

micromobilità condivisa
I mezzi di CitiBike uno dei servizi in sharing attivi a New York. Foto credit George Hogan / Public Domain Pictures

La micromobilità condivisa è sbarcata anche in Italia grazie al decreto di sperimentazione firmato dal Ministero dei trasporti lo scorso giugno

 

(Rinnovabili.it) – I principali servizi di micromobilità condivisa, come biciclette tradizionali, e-bike e monopattini elettrici in sharing, hanno il potenziale di sostituire una percentuale tra il 48% e il 67% dei viaggi in auto in alcune delle più grandi città degli Stati Uniti, della Germania a del Regno Unito: sono i risultati di una ricerca condotta da INRIX, agenzia statunitense specializzata nell’analisi dei flussi di dati nel settore dei trasporti.

 

Il settore della mobilità condivisa è in fermento un po’ ovunque: secondo il Mckinsey Institute, entro il 2030, il valore di mercato globale della sharing mobility dovrebbe aggirarsi tra i 200 e i 300 miliardi di dollari. Un’espansione che, se ben regolamentata, potrebbe tradursi in enormi benefici per le comunità sia in termini di gestione degli spazi (bici e monopattini richiedono superfici molto più ridotte rispetto ai tradizionali parcheggi per auto), che in termini energetici: basti pensare che un monopattino elettrico può percorrere fino a 83 miglia con l’energia equivalente a far viaggiare un auto per solo 1 miglio.

 

In quest’ottica, INRIX ha analizzato miliardi di dati collezionati tramite servizi di mobilità condivisa e automobili circolanti in alcune delle più trafficate città degli Stati Uniti, della Germania e del Regno Unito per valutare quale impatto potrebbe avere la sharing mobility nel ridurre i viaggi in auto sulle brevi distanze (tra 1 e 3 miglia).

 

Nei soli USA, il 48% di tutti gli spostamenti in auto nelle più congestionate aree sono lunghi meno di tre miglia (il 20% meno di 1 miglio, il 16% tra 1 e 2 miglia,  il 12% tra 2 e 3 miglia): nel complesso, quindi, le tratte al di sotto delle 3 miglia in megalopoli come New York o Chicago potrebbero ridursi del 51% semplicemente ricorrendo a monopattini e biciclette condivise, con picchi del 55% nella capitale delle Hawaii, Honolulu, o del 52% a New Orleans.

 

micromobilità condivisa

 

>>Leggi anche Micromobilità urbana: Toninelli firma il Decreto per il via libera alla sperimentazione<<

 

Discorso ancora più valido nel Regno Unito, dove la maggiore densità dei centri urbani rende la micromobilità condivisa ancora più utile: secondo lo studio INRIX, il 69% degli spostamenti in auto entro 3 miglia a Manchester potrebbe essere rimpiazzato dai servizi in sharing, il 68& a Birmingham, il 66% a Londra e Glasgow e il 64% a Sheffield, per una media del 67% su 5 dei principali centri urbani britannici.

 

micromobilità condivisa

 

Anche in Germania, il potenziale delle micromobilità nel ridurre le auto circolanti sulle brevi distanze resta alto: a Monaco di Baviera il 60% degli spostamenti entro le 3 miglia si potrebbero sostituire con piccoli viaggi in monopattino o bici (elettrica o tradizionale), ad Amburgo la percentuale scende al 59%, mentre a Berlino, Francoforte e Colonia si attesta rispettivamente al 56%, 55% e 51%.

 

micromobilità condivisa

 

>>Leggi anche Micromobilità urbana condivisa: le chiavi per una rivoluzione sostenibile<<

Articolo precedenteUE: tasse sull’energia più alte per non perdere la sfida climatica
Articolo successivoIl Governo giapponese potrebbe sversare in mare l’acqua contaminata di Fukushima

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui